Per scegliere la misura giusta di un anello bisogna usare questo metodo

Gli anelli sono più di un accessorio. Hanno diversi utilizzi. Si possono abbinare con il vestiario, con le scarpe, con l’orologio, con la collana, con la sciarpa. Possono essere un segno distintivo di stile. Un punto fermo del look.

Bisogna sdoganare, inoltre, la falsa credenza secondo la quale sono esclusivamente da donna. È vero, le donne tendono ad utilizzare tale accessorio in misura maggiore. Gli uomini, però, spesso non sono da meno. Molti artisti, anche cantanti del Festival di Sanremo, ne sfoggiano alcuni molto appariscenti.

Un anello può essere di diversi materiali. Dall’argento all’oro. Passando per l’acciaio. Hanno prezzi differenti. Da poche decine a svariate migliaia di euro.

Un anello serve a suggellare un rapporto di coppia. Si usa per un fidanzamento ufficiale o per una proposta di matrimonio.

Ma per scegliere la misura giusta di un anello bisogna usare questo metodo che si analizzerà nel seguente articolo.

Anelli diversi per dita diverse

Un anello può essere un regalo prezioso. Ma può anche essere un acquisto personale. Al giorno d’oggi gli acquisti online hanno avuto un boom incredibile. Spuntano siti con offerte strabilianti. Chi ama gli anelli di certo non può lasciarsi sfuggire le occasioni ghiotte che si presentano quotidianamente.

È qui che emerge una problematica fondamentale. Come si calcola la misura di un anello? Una domanda che molti si sono posti. Innanzitutto è ovvio che ogni dito ha la sua grandezza.

Esistono, anche in base al gusto personale, diversi tipi di anelli. Alcuni più spessi, altri con delle forme stravaganti. Altri, ancora, con delle figure come teschi o animali. Bisogna scegliere quale acquistare e soprattutto a quale dito indossarlo.

Ora si può passare a descrivere il metodo che si usa per misurare.

Un modo infallibile

La grandezza di un anello si misura in base alla circonferenza. Chiaramente ci si riferisce a quella interna, leggermente più piccola rispetto a quella esterna. In alternativa si può misurare il diametro.

Per ottenere tale misura, di certo non ci si può affidare ad un righello o ad una squadra. Si può utilizzare un metro da sarto per misurare la circonferenza del proprio dito. In alternativa si usa una piccola striscia di carta su cui si appone un segno. Dopo aver operato la misurazione, la si testa con una riga normale.

La misura così ottenuta si confronta con il sistema di taglie italiano che parte da 4 e arriva a 21. Si possono trovare degli opuscoli anche su Internet che spiegano dettagliatamente la corrispondenza.

Ad esempio una misura 7 ha una circonferenza interna che va dai 46 ai 47 millimetri.

Per scegliere la misura giusta di un anello bisogna usare questo metodo.

Consigliati per te