Per quanti anni vanno conservate le bollette pagate?

In questo articolo tratteremo in 2 minuti il tema della conservazione delle ricevute di pagamento. In particolare, quelle riferite ai consumi di acqua luce e gas. Introdurremo il concetto di prescrizione e vedremo perché è importante non buttare via le vecchie bollette.  Quindi per quanti anni vanno conservate le bollette pagate? Intanto, vi consigliamo anche la lettura di questo articolo su come pagare le bollette per evitare la coda.

Prescrizione e Morosità

La prescrizione non è altro che l’estinzione di un diritto. Opera secondo termini di tempo ben precisi. Decorso il termine di prescrizione il creditore non può più pretendere il pagamento dal debitore. La conservazione delle bollette è quindi necessaria per poter dimostrare di non essere morosi. Ovvero il fornitore non potrà richiedere alcun pagamento dopo un certo lasso di tempo. E l’utente non sarà quindi tenuto a conservare le ricevute oltre un determinato periodo. Alla luce di questo è lecito chiedersi per quanto tempo vanno conservate le bollette pagate? La Legge n. 205 del 2017, entrata in vigore lo scorso primo gennaio, si esprime in merito. Stabilisce l’importanza di conservare le ricevute delle bollette nel caso di contestazione di morosità. Infatti, l’onere della prova spetta al debitore. Egli, conservando le ricevute per tutto il periodo di tempo necessario, potrà dimostrare i pagamenti effettuati.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

Quando si prescrive una bolletta?

Andiamo quindi a definire con chiarezza per quanti anni vanno conservate le bollette pagate. La Legge n.205/17 stabilisce che il termine di prescrizione si calcola non più in 5 anni ma in 2. Dal 2 marzo 2018 il termine di prescrizione della bolletta della luce è passato da 5 anni a 2 anni. Pertanto, le bollette pagate dal 2 marzo 2018 andranno conservate solo per 2 anni. Nel caso del canone Rai, però, il tempo di prescrizione è di 10 anni. Quindi dovremo conservare le bollette della luce per un decennio così da poter dimostrare il pagamento del canone.

Dal 2 gennaio 2019 è cambiata, invece la prescrizione delle bollette del gas. Quelle pagate fino al 1 gennaio 2019 andranno pertanto conservate per 5 anni. Mentre quelle pagate dal 2 gennaio 2019 in poi soltanto per 2. Le bollette dell’acqua dal 2 gennaio 2020 andranno conservate solo per 2 anni. Quindi quelle pagate fino al 1 gennaio 2020 andranno conservate per 5 anni.

La domiciliazione bancaria

Se scegliamo la domiciliazione bancaria non dovremo più chiederci per quanti anni vanno conservate le bollette pagate. Infatti, non sarà necessario stampare e conservare le bollette. La banca dove abbiamo la domiciliazione dovrà effettuare la ricostruzione della situazione contabile del cliente. Basterà una semplice richiesta. Dobbiamo solo fare attenzione nel caso in cui decidessimo di chiudere il conto su cui abbiamo la domiciliazione dei pagamenti. In questo caso sarà necessario stampare e conservare le bollette in archivio.

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.