Per l’oro la discesa potrebbe essere solo all’inizio

In seguito alla mazzata ricevuta dopo la riunione della FED, per l’oro la discesa potrebbe essere solo all’inizio. I prezzi dell’oro, infatti, sono scesi il 23 settembre di circa l’1,5% dopo che la Federal Reserve degli Stati Uniti ha segnalato un allentamento dei suoi acquisti mensili di obbligazioni entro il prossimo anno e un aumento dei tassi di interesse prima del previsto. Secondo questo scenario potrebbe aumentare il rischio di detenere l’oro.

A proposito dell’oro, prima di procedere riportiamo brevemente il punto di vista di Warren Buffett il quale si è espresso più volte in merito ai suoi dubbi, definendolo un bene con “nessuna utilità”. “Non produce nulla ed è per questo che da una prospettiva a lungo termine, è un asset difficile su cui investire”.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Per l’oro la discesa potrebbe essere solo all’inizio: le indicazioni dell’analisi grafica

L’oro (prezzo in tempo reale) ha chiuso la seduta del 24 settembre in rialzo dello 0,45% rispetto alla seduta precedente a quota 1.750,6 dollari. La settimana, invece, si è chiusa con un ribasso dello 0,19%.

Time frame giornaliero

La discesa in corso è ribassista, ma da sette sedute a questa parte le quotazioni sono bloccatelo  all’interno del trading range1.736 dollari – 1.755,5 dollari. Solo una chiusura giornaliera esterna a uno di questi livelli potrebbe dare direzionalità alle quotazioni.

Al ribasso, lo scenario più probabile visto anche il segnale di vendita dello Swing Indicator, l’obiettivo più vicino è quello in area 1.676 dollari (I obiettivo di prezzo). A seguire gli altri obiettivi si trovano in area 1.512 dollari (II obiettivo di prezzo) e 1.349,5 dollari (II obiettivo di prezzo).

Al rialzo, invece, le quotazioni potrebbero dirigersi verso il I obiettivo di prezzo in area 1.900 dollari.

oro

Time frame settimanale

La chiusura settimanale ha confermato la rottura del livello chiave in area 1.808,7 dollari. A questo punto le quotazioni sono dirette verso il I obiettivo di prezzo ribassista in area 1.625 dollari. A seguire, gli obiettivi successivi si trovano in area 1.334,3 dollari e 1.040 dollari.

Un segnale di ripresa del rialzo si avrebbe nel caso di una chiusura settimanale superiore a 1.808 dollari. Anche in questo caso l’obiettivo più vicino si trova in area 1.900 dollari.

oro

Approfondimento

I ribassisti falliscono la loro occasione e il prezzo del petrolio potrebbe arrivare in area 80 dollari

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te