Per i contribuenti IVA e alcuni eredi l’Agenzia delle Entrate ricorda questi versamenti prima del 2022

Neanche il tempo di festeggiare il Santo Natale che per milioni di italiani si rinnoverà l’appuntamento con il Fisco prima del nuovo anno. Oggi 27, giovedì 30 e venerdì 31, infatti, una serie si scadenze busseranno alla porta di migliaia di contribuenti. Non solo, ma attenzione perché il 31 dicembre sui buoni fruttiferi postali si applica questa imposta e si calcola nel modo già illustrato.

Premesso ciò, illustriamo le prossime scadenze riguardanti  le imposte. Infatti per i contribuenti IVA e per alcuni eredi l’Agenzia delle Entrate ricorda questi versamenti prima del 2022.

La scadenza del 27 dicembre

Oggi scade il termine per il versamento dell’acconto IVA relativo al 2021. L’appuntamento è per i contribuenti IVA, soggetti ad obblighi di liquidazione e versamento, sia mensili che trimestrali.

A tal fine sarà sufficiente utilizzare il modello F24 per il canale telematico, in prima persona o tramite un intermediario abilitato.

Infine ricordiamo quali sono i codici tributo da utilizzare. Abbiamo il “6013” per il versamento acconto IVA mensile e il “6035” per i trimestrali su opzione.

I versamenti delle imposte a carico degli eredi

Giovedì 30 dicembre segna invece una scadenza particolare, quella a carico degli eredi delle persone decedute dopo il 28 febbraio 2021. Nel dettaglio, gli eredi che presentano le dichiarazioni per conto del de cuius versano anche le imposte dovute. Quest’ultime risultano chiaramente dalla compilazione della dichiarazione dei redditi e sono dovute senza alcuna maggiorazione.

Inoltre versano l’IVA relativa al 2020, come risultante dalla dichiarazione annuale di chi è venuto a mancare. In questo caso c’è la maggiorazione pari allo 0,40% per mese (o sua frazione) per il periodo compreso 16 marzo–16 giugno 2021.

Anche in questo caso il versamento andrà fatto online tramite modello F24, con l’ausilio di un intermediario abilitato o direttamente. In quest’ultimo caso vanno utilizzati i servizi “F24 web” o “F24 online” dell’AdE, tramite Fisconline o Entratel. In alternativa, tranne nel caso di F24 a saldo a zero, anche sfruttando l’Internet banking della propria banca, Poste Italiane e gli agenti della riscossione convenzionati.

Per i codici tributo da utilizzare in questo caso si rimanda alle tabelle AdE.

Per i contribuenti IVA e alcuni eredi l’Agenzia delle Entrate ricorda questi versamenti prima del 2022

Giusto il giorno dopo, venerdì 31 dicembre, scade anche la presentazione della dichiarazione dei redditi a carico di alcuni eredi. Il riferimento è agli eredi di persone decedute tra il 1° marzo e il 30 giugno del 2021, che dovranno presentare due modelli.

Il primo è appunto quello relativo alla dichiarazione dei redditi del defunto. Il secondo attiene alla scheda riguardante la destinazione dell’8, del 5 o 2 per mille dell’IRPEF.

Le altre scadenze

A ogni modo ricordiamo che il 31 dicembre segna il termine di tutta una serie di appuntamenti con il Fisco per precise fasce di contribuenti. Tra questi abbiamo:

  • la dichiarazione a carico di agenti, mediatori e rappresentanti;
  • la comunicazione del canone TV per alcuni contribuenti;
  • l’imposta di registro su alcuni contratti d’affitto;
  • la rata bimestrale del bollo virtuale;
  • l’opzione circa l’imposta sugli intrattenimenti;
  • il versamento dell’IVA intracomunitaria;
  • l’invio comunicazione riguardante l’Esterometro;
  • la presentazione degli elenchi Intra (12).

Approfondimento

Ecco i fortunati lavoratori che riceveranno sostegni economici e Bonus anche nel 2022.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te