Pensione con Quota 102 senza penalizzazione e anticipata senza scatti

La nuova riforma pensione sempre più orientata verso una Quota 102 per superare lo scalone dei cinque anni che lascia la Quota 100. L’economista Alberto Brambilla esprime il suo parere sulla riforma pensione e precisa che è necessario eliminare l’indicizzazione sulla pensione anticipata. Ipotizza una maggiore flessibilità con una misura come la Quota 102 con 64 anni di età e 37/38 anni di contributi. Inoltre, precisa che la Quota 102 non deve contenere meccanismi di penalizzazioni. Ecco una breve sintesi della possibile riforma pensione con Quota 102 senza penalizzazione e anticipata senza scatti.

Riforma con Quota 102 e senza penalizzazione

La nuova ipotesi di riforma pensioni prevede una Quota 102 con 64 anni di età e un’anzianità contributiva di 37/38 anni. Inoltre, deve essere abolita l’adeguamento all’aspettativa di vita per la pensione anticipata introdotta dalla Riforma Fornero.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Bisogna ricordare che la riforma Fornero ha dato vita agli “esodati” e per sanare questa situazione, nella Legge di Bilancio 2021, è stata emanata la nona salvaguardia, ma sembra che non sarà l’ultima.

La proposta della Quota 102 è senza penalizzazione, questo significa che non è calcolata interamente con il sistema contributivo che in alcuni casi può risultare molto sfavorevole.

Inoltre, bisogna agevolare al pensionamento i lavoratori svantaggiati con maggiori tutele attraverso il fondo esuberi.

Pensione con Quota 102 senza penalizzazione e anticipata senza scatti

Tanti dubbi sulla Quota 41 per tutti e la pensione anticipata Quota 102; entrambe le misure sono di difficile realizzazione. Anche se al momento entrambe le proposte sono sul tavolo tecnico.

Sicuramente il prossimo anno, sarà un anno di svolta per il nostro sistema previdenziale. Ed ecco perché quest’anno resta tutto invariato. Infatti, nella Legge di Bilancio 2021 sono state prorogate l’Ape Sociale e la pensione Opzione donna.

La prossima riforma si presenterà articolata e dovrà sistemare tutte le norme in atto con una serie di paletti che renderanno l’accesso difficile. Una giungla di misure che creerà solo confusione.

Consigliati per te