Pagamento debiti Pubblica Amministrazione

La crisi ha messo in ginocchio attività di tutti i tipi, comprese quelle che lavorano nella gestione del territorio. Infatti, sono molti i debiti maturati dalla Pubblica Amministrazione negli ultimi periodi e ciò ha reso necessario delle misure per il loro pagamento.

Vediamo allora quali sono stati i provvedimenti messi in atto per andare incontro agli Enti Locali e ai suoi creditori.

Una convenzione per i pagamenti debiti P.A.

Uno degli interventi che permetteranno il pagamento debiti della Pubblica Amministrazione è stato quello del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che in collaborazione con la Cassa Depositi e Prestiti ha sottoscritto la Convenzione prevista dal Decreto Rilancio per il pagamento dei saldi certi maturati dagli Enti locali e dalle Provincie autonome, risalenti a date non più lontane dal 31 Dicembre 2019.

Crowfunding immobiliare: ROI operazione 11,25%, ROI ANNUO 9,00%! - Scopri di più »

È dunque possibile per gli Enti ottenere un’anticipazione di liquidità grazie a contratti a carattere agevolato, che permetterà di far fronte ai propri debiti con delle anticipazioni, grazie alle Garanzie Statali a un tasso agevolato.

Tutto questo è stato fatto nell’ottica di appianare tutti i debiti della P.A. E permettere all’Italia intera di ripartire dopo il blocco che ha afflitto le attività ed enti in questi lunghi mesi di Covid-19.

Il provvedimento è stato inserito in un ben più ampio spettro di iniziative. Iniziative prese dal Governo per rispondere alle esigenze che si sono presentate su tutto il territorio italiano.

Le cifre del provvedimento

Beneficeranno degli 8 miliardi di euro stanziati per tali misure le imprese che vantano crediti nei confronti delle P.A..
Saranno invece 4 i miliardi che andranno a rimpolpare le casse del Servizio Sanitario Nazionale. Il quale si è visto messo all’angolo dalle impreviste incombenze dettate proprio dall’emergenza sanitaria che si è venuta a creare negli scorsi mesi.

Le tempistiche

Le anticipazioni messe a disposizione potranno avere un periodo di rientro non superiore ai 30 anni. Tutto ciò grazie alla firma della Convenzione volta a facilitare il pagamento debiti P.A. E la rata di rimborso sarà calcolata con un tasso di interesse fisso pari all’1,226%, una maniera per aiutare tutti quegli Enti che rischiavano di andare in crisi sotto il peso dei debiti maturati. Le richieste di accesso al credito, per passare a valutazione, dovranno pervenire presso la Cassa Depositi e Prestiti nel periodo che va dal 15 Giugno al 7 Luglio 2020.

Per la lettura del testo integrale della convenzione è possibile collegarsi al sito del Ministero dell’Economia e della Finanze oltre a quello di Cassa Depositi e Prestiti SPA.

Scopri Plus500
Scopri Plus500
Bridge Asset
Bridge Asset

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.