Paesaggi incontaminati, fenicotteri e straordinarie acque rosa in questo luogo magico della Spagna

Siamo in cerca di uno spettacolo unico al mondo per le nostre vacanze? Amiamo il contatto con la natura e vogliamo fuggire dalla fastidiosa movida? Questo è il posto giusto. Dopo aver parlato delle bellezze italiane, oggi noi di Proiezionidiborsa ci concentreremo su un luogo straordinario: la laguna di Torrevieja in provincia di Alicante. Prepariamo le valigie perché troveremo paesaggi incontaminati, fenicotteri e straordinarie acque rosa in questo luogo magico della Spagna.

La laguna di Torrevieja e il fenomeno delle acque rosa

La laguna è inserita nel Parque Natural de Torrevieja è una dei laghi salati più grandi d’Europa. Ma soprattutto è uno dei pochi costituito interamente da acque rosa. Un fenomeno incredibile e dovuto alla presenza di un batterio che rilascia una sostanza rosa quando si trova in liquidi con alta concentrazione di sale. E a Torrevieja ce ne sono circa 350 grammi ogni litro. Più o meno la stessa quantità che possiamo trovare nel Mar Morto.

A rendere ancora più intensa la colorazione c’è anche l’alga Dunaliella Salina, anch’essa responsabile del rilascio di pigmenti rosati.

Nelle acque della laguna non potremo fare il bagno per non alterare l’ecosistema naturale ma potremo tranquillamente goderci lo spettacolo del lago rosa. Soprattutto nelle ore del tramonto quando la colorazione tende addirittura al fucsia.

Il lago non è l’unica attrazione del parco. Girando in bicicletta potremo incontrare dei meravigliosi fenicotteri rosa e decine e decine di specie diverse di uccelli acquatici.

Da non sottovalutare anche le proprietà dell’aria e del terreno. La prima è ricca di iodio ed è particolarmente benefica per chi soffre di problemi respiratori. Il secondo contiene fanghi termali usati per curare i dolori muscolari e articolari.

Paesaggi incontaminati, fenicotteri e straordinarie acque rosa in questo luogo magico della Spagna: come arrivare

Per arrivare alla Laguna di Torrevieja dobbiamo recarci prima ad Alicante. Da qui prenderemo l’autostrada AP-7 e dopo aver guidato per circa 60 km ci troveremo all’entrata della cittadina. In alternativa possiamo sfruttare l’ottimo servizio bus che collega le due città in meno di un’ora. Il parco naturale è sul confine ovest.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te