Ottenere il credito di imposta per la sanificazione

C’è tempo fino al 7 settembre per ottenere il credito di imposta per la sanificazione e l’acquisto dei dispositivi di protezione. Le aziende in questi giorni sono alle prese con la modulistica da inviare per ottenere il credito di imposta.

Il Governo ha previsto l’incentivo nel Decreto Rilancio per la riduzione dei costi sostenuti per il contenimento del Covid-19.  Gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni, enti non commerciali, enti religiosi civilmente riconosciuti hanno l’opportunità di inoltrare la richiesta per il credito di imposta.

Quali sono le spese ammissibili

I soggetti prima indicati hanno effettuato vari acquisti durante il periodo dell’emergenza per rispettare le norme di sicurezza. Le spese che rientrano sotto la voce sanificazione sono quelle avvenute per gli ambienti da lavoro ma anche l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, detergenti e disinfettanti. Termometri, termo-scanner, tappeti, pannelli protettivi igienizzanti rientrano tra le spese utili ai fini del credito di imposta. Va precisato che le spese di installazione vengono riconosciute. L’Agenzia delle Entrate ha specificato che serve la certificazione da parte del professionista o dell’impresa che ha eseguito l’attività di sanificazione. L’ordinaria pulizia dei condizionatori non rientra nel calcolo del bonus.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

La scadenza

Le imprese entro il 7 settembre hanno anche la possibilità di inviare una nuova comunicazione che sostituisce integralmente quella già trasmessa.

Quanto viene riconosciuto

L’Agenzia delle Entrate riconosce un credito di imposta del 60% sulle spese effettuate. Una azienda non può spendere più di 60mila euro. Entro l’11 settembre l’Agenzia delle Entrate emana un provvedimento ad hoc. Le aziende sono in attesa di conoscere l’ammontare massimo fruibile.  Questo valore è dato dal credito d’imposta richiesto moltiplicato per la percentuale resa nota dall’AdE. Questa percentuale è data rapportando il limite complessivo di spesa all’ammontare complessivo dei crediti d’imposta richiesti. Ma cosa avviene se l’ammontare complessivo dei crediti d’imposta richiesti risulti inferiore al limite di spesa? In questo caso la percentuale è uguale al 100%. Sono giorni concitati per presentare la domanda utile ad ottenere il credito di imposta per la sanificazione.

Bridge Asset
Bridge Asset
Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.