ORO: attenzione ai falsi segnali di inversione. Potrebbero fare molto male

Settimana scorsa avevamo scritto (L’ORO si appresta a chiudere sui minimi dell’anno? Le attese fino al 31 Dicembre)

Dopo oltre due mesi di indecisione, l’ORO sembra avere intrapreso una strada ben precisa che è quella del ribasso.

Come si vede dal grafico seguente le quotazioni hanno rotto il supporto fornito dal I° obiettivo naturale in area $1258.84 e sono dirette verso il II° obiettivo naturale in area $1214.21. Chiaramente solo il recupero dell’ex supporto in area $1258.84 potrà portare a un indebolimento del quadro ribassista.

Da notare come nel caso in cui la proiezione ribassista dovesse raggiungere la sua massima estensione ribassista, l’ORO andrebbe a rivedere i minimi del 2017.

L’inizio della settimana appena conclusasi ha visto le quotazioni proseguire nella loro discesa, ma hanno trovato  un forte supporto in area $1242. Ciò ha provocato un violento rimbalzo nelle ultime tre sedute delle settimana che, però, è andato a esaurirsi sempre contro la fortissima resistenza in area $1258.84.

Settimana prossima, quindi, sarà cruciale andare a monitorare chiusure giornaliere superiori a $1258.84. Solo in questo caso, infatti, potremmo assistere a una ripresa della tendenza rialzista. Da notare come alla chiusura del 15 Dicembre il segnale di trading sia diventato long. Nel caso di inversione rialzista gli obiettivi potrebbero trovarsi in area $1270, prima, e successivamente in area $1300.

Al ribasso, invece, la strada tracciata è quella indicata in figura.

blank

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te