Da ora ad Ottobre, i mercati potrebbero gettare le basi per forti rialzi Intervista a Gerardo Marciano

Il Dott. Gerardo Marciano è Amministratore Delegato di Proiezionidiborsa Holding

Lei ad Agosto 2015 è stato fra i pochi, forse l’unico,a proiettare i ribassi che sono venuti. Ora c’è forte scetticismo su probabili ed ulteriori rialzi dei mercati azionari nei prossimi mesi. Lei cosa ne pensa?

Lo scetticismo e l’ottimismo fanno parte dei mercati azionari e sono i piloti di overshooting rialzisti o ribassisti. Solitamente nelle parti finali di un trend, la maggioranza pensa la stessa cosa. Ed oggi tutti si sono accodati al ribasso. E questa è una costante delle parti finali di un movimento di borsa.

I rialzi degli ultimi mesi di Wall Street, sono proseguiti nello scetticismo generale, e gran parte degli spettatori e/o attori,  continuano a” gufare” sulla possibilità che tale movimento possa continuare dopo ben 7 anni!

La nostra attenzione è posta sulla tenuta o  meno di 1.787 dello S&P 500 da ora ai prossimi mesi.

Come da nostro frattale decennale, fino a prova contraria, riteniamo che per i mercati americani, una vera e propria correzione superiore al 25% si avrà fra Ottobre 2017 e Marzo/Giugno 2018.

Frattale previsionale mercati americani dal 2011 al 2020
mappa

Il problema sono i mercati europei ed asiatici che rimangono condizionati fra problematiche economiche  e socio politiche e sono in un vera e propria spirale ribassista da mesi.

Io credo che molto probabilmente anche per questi mercati, si sia giunti vicini ad un punto dove si potrebbe rimbalzare per almeno un anno e questo rialzo dovrebbe iniziare al massimo per il mese di Ottobre.

I soldi della finanza mondiale devo andare da qualche parte, e con questo attuale regime dei tassi, dove andranno se non sui mercati azionari? Dopotutto, checchè se ne dica, lo stesso modello della Federal Reserve, considera i mercati azionari, ancora sottovalutati.

E poi, se si studia la storia dei mercati, ci si rende conto che Wall Street, è salita anche per 30/35 anni consecutivi, “senza lasciarsi andare a correzioni” superiori al 10%.

Forte di queste considerazioni, e leggendo i grafici, affermo ancora con tranquillità, che “il bull market non è finito, anzi continuerà nei prossimi mesi ed anni, almeno per Wall Street”

Tutti gli altri mercati sono correlati al 76% e vedremo come reagiranno e si adegueranno. Anche se ripeto, ora incomincio a diventare ottimista anche per questi mercati che potrebbero essere vicini ad una svolta, entro il mese di Ottobre.

Quali sono i  parametri da osservare per dire: il bull market tiene , il bull market è finito per i mercati americani? Quali sono invece, i parametri che riporteranno i mercati europei al rialzo per almeno 12 mesi?

Infatti, ogni previsione che sia ottimistica o pessimistica, deve essere rapportata a numeri e a limiti. Le previsioni sono la mappa, mentre i numeri sono il territorio e quello che realmente accade.

Questi sono i parametri da considerare al 5 Luglio 2016:

Future Ftse Mib

Il trend plurimensile  diventerà rialzista con chiusure e successive tenute superiori ai 17.950.

Future Dax

Il trend plurimensile  diventerà rialzista con chiusure e successive tenute superiori ai 10.340.

Future Eurostoxx

Il trend plurimensile diventerà rialzista  con chiusure e successive tenute superiori ai 3.058.

S&P 500

Il trend plurimensile  rimarrà rialzista con chiusure e successive tenute superiori ai 2.025.

Allo stato attuale,  i mercati europei sono ancora in trend ribassista e finchè rimarranno in tale trend sono probabili ulteriori discese.

Quale è quindi il suo consiglio?

Al momento, è prematuro dire che per i mercati europei sia iniziata un’inversione rialzista, anche se ritengo che sotto la cenere covano  forti rialzi. I futuri forti rialzi, sono compatibili anche con ulteriori discese del 10/15%  e per qualcuno qualcosa in più.

Stiamo però entrando in un range temporale Luglio/Ottobre, dove i mercati internazionali potrebbero iniziare a “costruire” le basi per un rialzo corale fino all’Ottobre 2017.

I mercati azionari, a questi livelli sono grandi occasioni di acquisto: essere però oculati e non buttarsi a capofitto, in quanto può darsi che il ribasso e i minimi per molti mercati non siano stati ancora segnati. Muoversi sempre su inversioni acclarate e non su previsioni di inversioni.  Chi vuole essere portato per mano nei prossimi  giorni e mesi puo’ sottoscrivere l’Abbonamento al nostro Blog Riservato.

Leggi anche

I mercati si giocano la ripresa dell’uptrend di lungo periodo di Gerardo Marciano

Future Dax verso i 15.000?

Leggi La festa del 4 Luglio e statistica dei mercati finanziari

Consigliati per te