Oltre a piastrelle e rubinetteria è necessario montare un box doccia con ante o porta scorrevole adatto al tipo di bagno

Comprare un appartamento o progettare il suo restauro, oppure una casa in campagna o al mare, comporta indubbiamente spese ma anche attenzione. Nel caso in cui volessimo cambiare la disposizione di alcune stanze, c’è da tenere in conto poi della disposizione dei mobili e di vari accessori. Tra tutti gli ambienti di un’abitazione, la cucina e il bagno sono quelli in cui bisognerebbe curare non solo la metratura, ma anche l’impianto idraulico in modo ottimale.

Sono tra le stanze più usate e oltre alla comodità è bene badare alle tubazioni, oltre a piastrelle e rubinetteria. Svegliarsi e andare nella stanza da bagno e trovare delle perdite non sarebbe proprio l’ideale. Per non parlare di eventuali inconvenienti in cucina, come ingorghi oppure problemi con l’erogazione dell’acqua o altro. Per quanto riguarda in particolare la stanza da bagno, uno dei piaceri che ci si può concedere è stare rilassati nella vasca. Se per qualche ragione non possiamo inserirla o abbiamo deciso di montare una doccia, sarebbe bene considerare alcune cose, come il tipo di spazio a disposizione.

Oltre a piastrelle e rubinetteria è necessario montare un box doccia con ante o porta scorrevole adatto al tipo di bagno

Scegliere un box doccia dipende da alcuni fattori tra cui la grandezza del bagno dove andrà montato. Se la stanza è piccola, si potrebbe optare per un box ad angolo con porta scorrevole. Un’alternativa sono le docce a nicchia, in questo caso, però, si dovrà modificare la parete. Anche un box quadrato o rettangolare andrebbe bene, basta adattare le dimensioni. Le ante potrebbero aprirsi verso l’interno e non all’esterno, in modo da ottimizzare lo spazio e non creare ingombro.

Per un ambiente stretto e lungo, adesso ci sono tecniche per creare un piatto doccia in mezzo al bagno, a filo del pavimento. In un bagno spazioso, il vano della doccia potrebbe essere grande e con ante che si aprono verso l’esterno.

Il materiale è altrettanto importante. Se il bagno manca di finestra, meglio un vetro trasparente o chiaro. Quello che sembrerebbe il più sicuro è il cristallo temperato. In caso di accidentale rottura, infatti, si scomporrebbe in microtasselli senza arrecare danno. Lo spessore medio è di 6 mm ma potrebbe essere anche maggiore. Si può scegliere trasparente, martellato o colorato. Per la struttura, l’acciaio sarebbe preferibile alla plastica e ai metalli verniciati.

Per scegliere la doccia più adatta al nostro caso, quindi, meglio affidarsi a un professionista.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te