Occhio a queste piante velenose da isolare subito se fossero nel nostro giardino 

Sono piante abbastanza comuni che potrebbero trovarsi tranquillamente in giardino. La loro tossicità potrebbe causare diversi problemi di salute. Allora occhio a queste piante velenose da isolare subito se fossero nel nostro giardino.

Un pericolo per bambini e cani

Alcune piante non sono affatto consigliate per i bambini e gli animali. I bambini tra il quarto e il sedicesimo mese imparano a conoscere gli oggetti attraverso la bocca. Tutto quello che incontrano lo mettono in bocca, anche le foglie del giardino.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera Slim

I cani a volte mangiano quelle un po’ tossiche che permettono di vomitare, così da eliminare eventuali parassiti dallo stomaco. Ma ecco alcune piante pericolose.

L’edera e la calla

L’edera è una pianta rampicante molto diffusa, copre facilmente i muri del giardino ed è tossica almeno nelle bacche. La loro ingestione provoca malessere gastroenterico, difficoltà respiratorie, sete intensa, dilatazione delle pupille e coma.

La calla è un fiore che rassomiglia al giglio. Anche questa è comune nei giardini. Attira molto i bambini per la sua bellezza. Tuttavia tutta la pianta è tossica e se le sue parti vengono ingerite può provocare dolore alla bocca, tumefazione della lingua, vomito, diarrea, dolori addominali, alterazioni del battito cardiaco, convulsioni e coma.

Oleandro e rododendro

Occhio a queste piante velenose da isolare subito se fossero nel nostro giardino. L’oleandro è un arbusto dalla crescita rapida con foglie un po’ sottili e al centro un bel fiore colorato. Tuttavia l’intera pianta è tossica e se ingerita provoca: vomito, alterazione dell’attività cardiaca, allucinazioni e dermatiti da contatto. I bambini a volte toccano le foglie e poi si stropicciano gli occhi, rischiando forti problemi alla vista.

Lo sapevano già gli antichi Romani che il rododendro o azalea era velenoso. Alcune guarnigioni del loro esercito subirono le conseguenze dopo aver mangiato del miele fatto con il nettare del suo fiore. Tutta la pianta è velenosa e provoca se ingerita, vomito, diarrea, dolori addominali, brachicardia, depressione cardiocircolatoria e respiratoria.

Altre piante velenose da giardino

Altre piante tossiche che potremmo avere in giardino sono la belladonna, la digitale purpurea, l’elleboro. Fra gli arbusti il ligustro e il lauroceraso. Fra gli alberi il tasso e la thuja. E fra le piante rampicanti oltre all’edera anche il gelsomino della Carolina.

Conoscendo queste piante si può salvaguardare l’incolumità di tutti. Ecco una pianta da giardino che allontana gli insetti.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te