Occhiali da vista e visite oculistiche: recuperare i soldi spesi portandoli in detrazione

Nella dichiarazione dei redditi è possibile compilare una voce del modello 730 precompilato per detrarre le spese di occhiali da vista e visite oculistiche. Inserendo i dati necessari, sarà possibile ottenere uno sconto del 19% relativo all’imposta Irpef. Vediamo in 2 minuti tutto quello che c’è da sapere per portare in detrazione le spese relative ad occhiali da vista e visite oculistiche.

Beneficiare dello sconto Irpef: come e quando

I contribuenti sono particolarmente affezionati alla propria vista tant’è che se ne prendono cura con grande riguardo ed attenzione. Su occhiali da vista e visite oculistiche: recuperare i soldi spesi portandoli in detrazione è la soluzione migliore affinché tale cura risulti più leggera alle tasche. Nel modello 730/2020 è possibile beneficiare dello sconto del 19% relativamente a tutte le spese registrate e sostenute nel corso del 2019.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Come abbiamo indicato qui, l’Agenzia delle Entrate ha disposto la compilazione della dichiarazione dei redditi precompilata a partire dallo scorso 5 maggio. Per quanto riguarda le possibili integrazioni alle informazioni già presenti, è bene ricordare la prima data utile di accesso al modello che è il 14 maggio prossimo. Tra le possibili integrazioni, molti contribuenti potranno avvantaggiarsi delle detrazioni su occhiali da vista e visite oculistiche: recuperare i soldi spesi portandoli in detrazione porta un bel vantaggio economico.

Ricordare il limite di franchigia

Come fare per beneficiarne? Anzitutto è bene ricordare che per fruire della dello sconto Irpef è necessario superare il tetto di franchigia di 129,11 euro. Questo è quanto stabilisce il Testo Unico sulle Imposte sui Redditi (TUIR) in art.15, lettera C. In buona sostanza, è possibile detrarre le spese che eccedono la franchigia.

Se nel corso del 2019 avete speso, ad esempio, 700 euro per occhiali da vista e visite oculistiche, a tale importo va sottratta la franchigia. Pertanto, l’importo al quale si può applicare la detrazione è di 570,89 euro.

Per avvantaggiarsi della detrazione, bisognerà segnare queste spese indicandole come: prestazioni specialistiche, nel caso delle visite oculistiche, e acquisto di dispositivi medici nel caso degli occhiali da vista.

Quali sono tutti i dispositivi medici per la vista

Entrando nello specifico di quelli che vengono definiti dispositivi medici, è bene ricordare che tra questi rientrano:

  • occhiali da vista per presbiopia;
  • lenti a contatto e relative soluzioni;
  • occhiali premontati per lettura;
  • lenti correttive e lenti oftalmiche per i difetti visivi.

Ogni spesa sostenuta va registrata nel quadro E, sezione I, rigo E1. In colonna 2 andranno indicati tutti gli importi delle spese sanitarie.

Si raccomanda sempre di conservare tutte le fatture o le ricevute relative alla spese effettuate e la prescrizione medica che indica il necessario acquisto del dispositivo. Per beneficiare della detrazione è necessario che sia indicato il codice fiscale del contribuente e il dato specifico relativo al prodotto acquistato.

Consigliati per te