Nuovo Ristori ter, spetteranno aiuti fino al 400%. Chi li avrà sul conto

Il tre dicembre si avvicina, la curva dei contagi cala e tutti attendiamo il nuovo Decreto Ristori ter, soprattutto le categorie escluse dal Decreto Bis. In un articolo precedente noi di ProiezionidiBorsa abbiamo parlato dei grandi esclusi del Decreto. Con il nuovo Ristori ter spetteranno aiuti fino al 400%. Chi li avrà sul conto?

Gli aiuti riguarderanno le imprese fino a 50 milioni di fatturato, con perdite superiori al 33%, calcolate però su un periodo più lungo. Si parla di un miliardo e mezzo per le aziende che sono rientrate nelle nuove zone arancioni e rosse e per quelle che vi rientreranno. Ulteriori 400 milioni che i Comuni elargiranno in buoni spesa, e finalmente 100 milioni per l’acquisto di farmaci anti Covid.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 50% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Con il nuovo Ristori ter spetteranno aiuti fino al 400%, ecco chi li avrà sul conto. L’Agenzia delle Entrate effettuerà direttamente il bonifico sull’IBAN indicato dal contribuente.

L’Agenzia raddoppia, in qualche caso quadruplica

La novità è che gli aiuti saranno più importanti:

a) 400% discoteche;

b) 150% alberghi, bar, gelaterie e pasticcerie;

c) 200% ristoranti, piscine, palestre cinema e teatro;

d) 200%, new entry, negozi di calzature.

Inoltre, è prevista una serie di agevolazioni fiscali:

a) sospensione del pagamento IVA;

b) cancellazione seconda rata IMU;

c) credito d’imposta fino a tre mesi del 60% sugli affitti commerciali;

d) sospensione contributi INPS.

Ma attenzione ai controlli

Infatti, sono previsti controlli molto più serrati. L’Agenzia delle Entrate verificherà l’esistenza, o meno, dei requisiti per ottenere il contributo. In particolar modo tre saranno i punti di attenzione.

Bisogna essere titolari di partita IVA attivata prima del 25 ottobre, non deve essere cessata alla data di emissione del contributo, di presentazione della domanda. In ultimo, il codice ATECO, già attivato alla data del 25 ottobre, deve risultare attività prevalente, non semplicemente indicata tra quelle che si possono esercitare. Non resta che aspettare, incassare e ripartire.

Consigliati per te