Nuova scoperta: il farmaco israeliano contro il Covid 19

Da un anno a questa parte se ne sono sentite, e ancora se ne sentono tante, sulle probabili cure per sconfiggere il Covid 19.
È piuttosto recente la notizia sul farmaco israeliano contro il Covid. Si chiama EXO-CD24 ed è stato studiato ed elaborato dai ricercatori dell’Ichilov Medical Center di Tel Aviv.

I risultati della sperimentazione

Da quanto i ricercatori israeliani riportano, sembra che l’EXO-CD24 abbia superato a pieni voti la prima fase della sperimentazione.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 50% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Con questa sostanza sono stati infatti curati circa 30 pazienti affetti da Covid 19, in condizioni medio-gravi. E dopo 4-5 giorni di cura con questo farmaco, la quasi totalità dei pazienti è guarita.

La notizia fa ben sperare. Se l’ EXO-CD24 supererà altri test, avremo infatti a disposizione un farmaco in grado di garantire nel giro di pochi giorni la guarigione dall’infezione provocata dal virus.

Nuova scoperta: il farmaco israeliano contro il Covid 19. Vediamo come agisce

Ma andiamo a capire un po’ più nello specifico come agisce questo farmaco israeliano contro il Covid.

Sviluppato dal prof. Nadir Arber, docente e ricercatore del Centro di prevenzione del cancro della capitale israeliana, l’EXO-CD24, agisce sui polmoni. Nello specifico, arresta la risposta immunitaria messa in atto dalle citochine, che attaccano anche le cellule sane, provocando così la morte del paziente.

Il farmaco, somministrato localmente per inalazione, non ha presentato particolari effetti collaterali né controindicazioni.

Cosa sono le citochine

Si tratta di molecole proteiche che danno istruzioni ben specifiche alle varie cellule. Per questa loro caratteristica sono soprannominate “parole molecolari”.

Sono prodotte da più tipi di cellule. E quando sono immesse nell’organismo, riescono a mandare i loro messaggi sia alle cellule più vicine che a quelle più distanti.

Hanno un peso molecolare basso e la maggior parte di esse è secreta dai monociti e dai linfociti T.

Una nuova speranza contro il Covid 19

Insomma, possiamo dire di vedere più di una luce in fondo al tunnel. Perciò molti confidano in questa nuova scoperta: il farmaco israeliano contro il Covid. Dopo i vaccini, le cui campagne di somministrazione sono già in atto, il farmaco israeliano fa ben sperare. Anche perché può essere prodotto in maniera abbastanza semplice e a basso costo da qualsiasi azienda farmaceutica.

Se così fosse, avremo finalmente l’arma per sconfiggere il virus che ha messo in ginocchio il mondo intero.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te