Novità riforma fiscale con nuove aliquote IRPEF e blocco del regime forfettario

Sulla riforma fiscale sono state avanzate molteplici proposte. Ma sembra che tutto si sia spostato sul rivoluzionare il sistema con l’introduzione di nuove aliquote IRPEF, e una riflessione sul regime forfettario che risulta bloccare la crescita delle imprese. In sostituzione la proposta di inserire l’IRI, l’imposta sul reddito di impresa. Inoltre, un cambiamento anche sulle locazioni con il blocco della cedolare secca e una revisione totale sulle spese fiscali con il sistema di detrazioni e deduzioni. Maggiore trasparenza e semplificazione del sistema di addizionali e regionali. Questi sono i temi trattati in audizione alle Commissioni di Finanze della Camera e del Senato dall’Ufficio Parlamentare di Bilancio.

Novità riforma fiscale con nuove aliquote IRPEF e blocco del regime forfettario

L’obiettivo della riforma fiscale è quello di superare l’attuale struttura dell’imposta IRPEF con i tantissimi nodi da sciogliere che emergono con il sistema di tax-benefit. Bisogna considerare i vari aspetti e la sostenibilità dei conti pubblici favorendo la crescita del Paese sul piano lavorativo.

Prestito in convenzione
Prestito in convenzione

Per attuare il nuovo sistema fiscale bisogna reperire risorse. Quelle attualmente previste sono insufficienti al raggiungimento degli obiettivi indicati nei documenti ufficiali.

Il presidente dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio, Giuseppe Pisauro, in audizione, indica varie possibilità di reperire risorse:

a) aumento del prelievo IRPFEF per i redditi elevati;

b) ridiscutere l’entità dei redditi che non sono compresi nella base imponibile IRPEF, applicando una tassazione progressiva;

c) spostare la tassazione dai fattori produttivi verso i consumi. Questa proposta è ripresentata ogni anno dalla Commissione europea;

d) riduzione delle spese.

Un sistema fiscale rivoluzionario in sostituzione di quello attuale

L’obiettivo è quello di definire un nuovo sistema fiscale, in quanto quello attuale è ibrido e sottoposto ad una tassazione progressiva. Il nuovo sistema dovrebbe includere nella base imponibile IRPEF anche i redditi che sono progressivamente usciti, oppure creare un sistema vicino a quello duale (in riferimento ai redditi effettivi prodotti).

Novità riforma fiscale con nuove aliquote IRPEF e blocco del Regime forfettario, secondo gli studiosi è un sistema disincentivante. Il regime forfettario è entrato in vigore nel 2019 per le partite IVA (imprese individuali e professionisti) con ricavi non superiori a 65mila euro con una forte detassazione. La proposta è quella di sostituire il regime forfettario con un’unica imposta sul reddito di impresa (IRI) con aliquota unica al 24%. Inoltre, si ipotizza uno stop alla cedolare secca sui redditi di locazione.

Nuove aliquote IRPEF

Le novità riforma fiscale con nuove aliquote IRPEF e blocco del regime forfettario, investono tutto il sistema. Una vera e propria rivoluzione, con l’introduzione di nuove aliquote IRPEF riducendo la differenza di scaglioni attualmente esistente tra il secondo e il terzo. Questo nuovo sistema potrebbe risultare vantaggioso soprattutto per i redditi fra i 35mila e 40mila euro.

Infine, si prevede una riduzione di tutto il sistema attuale complesso e burocratico delle detrazioni e deduzioni, con l’introduzione di un sistema trasparente e semplificato.

Consigliati per te