Novembre e dicembre sono perfetti per potare quest’albero che regala croccanti frutti dal sapore intenso e vellutato

Semina, raccolta e tutte le attività da fare nell’orto e in giardino hanno un calendario ben specifico da seguire. Di certo, primavera ed estate sono momenti particolarmente operativi. Ciò però non significa oziare, riposarsi e lasciarsi cullare dal dolce far niente in autunno e in inverno. Anzi, ci sono alcune operazioni che è bene svolgere durante la stagione fredda. Un caso specifico è quello della potatura di un albero, perché va eseguita proprio durante il periodo di riposo vegetativo, e quindi quando la pianta ha smesso di emettere nuove gemme.

Novembre è un ottimo mese per potare vari tipi di piante. Abbiamo infatti già avuto modo di spiegare che potare in autunno questo albero è fondamentale per avere in estate dolcissimi frutti succulenti e una vegetazione rigogliosa. Quest’oggi andremo a vedere un altro caso. Infatti, novembre e dicembre sono perfetti per potare quest’albero che regala croccanti frutti dal sapore intenso e vellutato.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera Slim

La potatura del nocciolo

Il nocciolo è un arbusto che va potato almeno una volta all’anno perché in breve tempo si trasforma in un cespuglio fitto ed intricato che può addirittura arrivare a 5 metri da terra.

Molto diffuso nel nord Italia, è un albero che resiste bene al freddo e che si può tranquillamente potare durante tutta la stagione invernale, ad eccezione di quelle zone con clima particolarmente rigido. Per non correre rischi, fine novembre e inizio dicembre possono quindi essere i periodi ideali.

Novembre e dicembre sono perfetti per potare quest’albero che regala croccanti frutti dal sapore intenso e vellutato

Sfoltire e regolare gli arbusti del nocciolo è fondamentale perché altrimenti diventerebbe improduttivo. Ma vi sono anche altri motivi per procedere con la sua potatura. Andiamoli a conoscere più nel dettaglio:

  • mantenere una forma ordinata perché, oltre ad essere bella da vedere, consente un buon ricircolo dell’aria tra i rami e una raccolta semplice;
  • eliminare i rami troppo legnosi (con almeno 6-7 anni di età) perché sono meno produttivi;
  • contenere la produzione dei polloni così da evitare che l’albero impieghi importanti risorse per svilupparli, a scapito, invece, di energie che possono essere utili per la produzione dei frutti;
  • ridurre l’altezza dell’albero. Il nocciolo può raggiungere un’altezza di addirittura 5 metri ma ha radici piuttosto superficiali. Nei luoghi ventosi o in presenza di terreno sciolto, è meglio pertanto regolare l’albero affinché non oltrepassi i 4 metri.

Come procedere

Nei primi 2 anni di vita, è bene lasciare la pianta libera di crescere senza effettuare interventi particolari. Limitarsi dunque a tenere ordinato l’albero diradando i rami laterali.

Di contro, sulle piante con già 4 anni, selezionare massimo 5 fusti principali e, su questi, eliminare i rami secchi e i polloni dell’anno.

Così facendo, anno dopo anno, avremo un albero in grado di garantire una eccellente resa produttiva.

Infine, ricordare di mantenere regolata l’altezza della pianta.

Approfondimento

Si tramanda nel tempo ma pochi conoscono il segreto per aumentare il raccolto delle olive e la produzione dell’olio

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te