Non solo una mela al giorno e vitamina C ma anche il sedano che abbiamo in cucina potrebbe avere dei benefici impensabili

Spesso siamo soliti cibarci di alcuni alimenti trascurandone molti altri. Ciò può accadere, forse, per una questione di gusti personali o perché non ne conosciamo a fondo le proprietà. Il più delle volte capita quando scegliamo la verdura, prendendo quasi sempre la solita. Un ortaggio forse poco consumato è il sedano. In cucina di solito è presente per la preparazione del mirepoix: il battuto di sedano, carote e cipolle è, infatti, utile per il soffritto. Il sedano, però, nasconde tantissimi benefici e si dovrebbe e potrebbe assumere anche in altri modi.

Non solo una mela al giorno e vitamina C ma anche il sedano che abbiamo in cucina potrebbe avere dei benefici impensabili

Sappiamo che il consumo giornaliero di frutta e verdura fa bene, dato che apporta vitamine, minerali, proteine vegetali e anche fibre. Ci sono tante varietà di frutta così come di verdura e ortaggi e in ogni stagione ne abbiamo a disposizione diversi. Ce ne sono alcuni tipi, però, disponibili tutto l’anno e il sedano è fra essi. Quest’ortaggio contiene poche calorie, solo 20 per 100 g, ha una grande quantità d’acqua, pochi grassi e tante proteine. Ciò che colpisce maggiormente sono altri elementi presenti nel sedano: le varie vitamine e i sali minerali.

Vediamo quali benefici potrebbe apportare

Il sedano è un ortaggio forse sottovalutato e poco consumato, eppure dagli studi effettuati potrebbe svolgere funzioni importanti nel corpo. Quest’ortaggio, infatti, contiene degli elementi che risulterebbero utili nel ridurre trigliceridi e colesterolo, per abbassare la pressione alta e per facilitare la diuresi. L’alto contenuto di fibre, inoltre, non solo dona un senso di sazietà ma favorirebbe le attività intestinali riducendo anche il gas. Poi, la presenza di vitamina A è ritenuta un elemento utile contro le infiammazioni della pelle, ma anche della vescica e degli occhi.

Pertanto, non solo una mela al giorno e vitamina C, ma anche il sedano che abbiamo in cucina potrebbe avere dei benefici impensabili da sfruttare. Per poter beneficiare delle proprietà del sedano, gli esperti consigliano il suo consumo a crudo oppure cotto al vapore, mentre sono da evitare le cotture prolungate. Quindi, via libera a snack, pinzimonio, insalate, ma anche a zuppe. Per un effetto digestivo, ad esempio, basterebbe mangiare un gambo di sedano prima del pasto.

Ma come per molti alimenti, anche quest’ortaggio ha delle controindicazioni. Ad esempio, non sarebbe consigliato in caso di malattie renali o ipersensibilità ai raggi solari. In caso di gravidanza è bene chiedere un consiglio al proprio medico. Infine, secondo il Regolamento europeo 1169/2011 (che disciplina l’obbligo alle aziende di indicare gli allergeni presenti nelle preparazioni alimentari) il sedano potrebbe causare delle reazioni allergiche.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te