Non solo spremute con le arance è possibile realizzare questo straordinario oggetto d’arredamento e design

Ormai si sa, alcuni alimenti possono essere sfruttati in diversi modi anche non prettamente culinari. Per quanto riguarda le arance, o gli agrumi in generale, in cucina gli usi sono dai più disparati.

Se sottomano abbiamo delle arance con buccia edibile potremmo tagliarle a striscioline e candirle. Potremmo anche utilizzarle per uno squisito Arancello (liquore all’arancio) o grattugiare la buccia per decorare o insaporire i nostri deliziosi dolci. Meglio ancora, preparare delle squisitissime marmellate 100% bio e fatte in casa. Più semplicemente, il frutto può essere utilizzato, come è usuale fare, per delle gustosissime e salutari spremute d’arancia.

Ma non solo spremute, con le arance è possibile realizzare uno straordinario oggetto d’arredamento e design. Ebbene sì, se non si usano in cucina, gli utilizzi delle arance, in particolar modo delle bucce, sono molteplici.

Le bucce, soprattutto quelle di cui non conosciamo la provenienza e non siamo sicuri che siano edibili, potremmo utilizzarle per profumare casa. In che modo? Semplicemente mettendole sopra i nostri termosifoni caldi. Lasceranno un intenso aroma fruttato per tutta casa e allo stesso tempo si essiccheranno. Una volta essiccate è possibile usarle per creare dei profumatissimi pot-pourri unendole a petali di rose essiccati, legnetti, foglie secche e qualche goccia di olio essenziale.

Ma come rendere il nostro frutto multitasking parte integrande di casa?

Non solo spremute con le arance è possibile realizzare questo straordinario oggetto d’arredamento e design

Eccoci arrivati al dunque. Probabilmente in pochi avrebbero pensato a questa straordinaria alternativa. Con le bucce delle arance è possibile creare delle candele. Straordinario vero?

Ma andiamo a vedere in che modo possiamo sfruttare le bucce per profumare e creare l’atmosfera in casa:

  • tagliare a metà un’arancia. Per creare la nostra base per candela servirà togliere la parte interna senza però danneggiare il picciolo bianco al centro. Il modo più semplice per farlo è quello di partire dall’attaccatura della buccia e con un coltello affilato cominciare a staccarla roteandola. Noteremo che piano piano verrà via il frutto e se non si staccherà facilmente dal picciolo centrale aiutarsi sempre con il coltello;
  • a questo punto avremo mezza arancia svuotata con uno stoppino centrale. Riempiamola di olio d’oliva lasciando la punta dello stoppino libera ed accendiamo la nostra candela.

Questo oggetto di arredamento alternativo avrà una combustione duratura e allo stesso tempo rilascerà un buonissimo profumo d’agrumi per tutta casa.

Solo una piccola accortezza è giusto sottolinearla.

Come si sa, l’olio scaldandosi può ustionare, e la buccia stessa potrebbe bruciare se non sistemata in modo adeguato. Per questo motivo è opportuno posizionare la candela, sistemandola magari su un piattino, in posti sicuri e lontani da possibili urti di passaggio.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te