Non solo limone e acqua frizzante perché per non fare annerire i carciofi serve questo semplice trucchetto

Tra gli ortaggi più amati in assoluto conquista i primi posti in classifica il carciofo grazie al suo inconfondibile sapore e versatilità in cucina. Stufato, fritto, crudo in insalata, il carciofo è un ortaggio che trova spazio in ogni preparazione.

Non solo, tra i tanti pregi, questo gustoso ortaggio vanta anche delle proprietà che potrebbero rivelarsi amiche della salute. Infatti è questo l’ortaggio amico dell’intestino che aiuterebbe a prevenire il tumore e regolare il colesterolo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Come pulire un carciofo alla perfezione

Tuttavia in alcuni casi, se non preparato adeguatamente, il carciofo potrebbe rimanere duro e coriaceo e allo stesso tempo annerire e diventare amaro. Infatti, oltre alla modalità di cottura, è indispensabile fare attenzione alla fase di pulizia del carciofo per non compromettere il risultato finale. Per pulire perfettamente il carciofo occorre iniziare tagliando il gambo lasciandone solo 4-5 centimetri. Successivamente rimuovere le foglie, o brattee, esterne fin quando la base da cui le stacchiamo non sarà diventata bianca. Infine, dovremo recidere la parte superiore a circa tre quarti dell’altezza e rimuovere, qualora presente, la cosiddetta “barba”. È importantissimo rimuovere questi filamenti ispidi perché molto fastidiosi in bocca e davvero sgradevoli da trovare nel piatto. Ed è ora che arriva un altro passaggio cruciale.

Questione di chimica

Sebbene la cucina possa sembrare un grande insieme di trucchi e segreti, le ragioni per cui vengono compiuti alcuni passaggi sono semplicemente chimici. Quello che fa annerire i carciofi è il principio dell’ossidazione che per effetto dell’ossigeno, appunto, altera la struttura e il gusto del carciofo. Per questa ragione in molti, dopo aver pulito i carciofi, li immergono in acqua con succo di limone o in acqua gassata che neutralizzano l’effetto ossidante.

Tuttavia, anche quando tuffiamo i carciofi in acqua acidulata parte di questi potrebbe emergere e rimanere scoperta facendoli diventare comunque amari.

Infatti, sebbene sia giusto utilizzare acqua gassata o acqua e limone, questi potrebbero non bastare, ecco perché vogliamo svelare questo geniale trucchetto.

Non solo limone e acqua frizzante perché per non fare annerire i carciofi serve questo semplice trucchetto

Per impedire all’ossigeno di interagire con la superficie del carciofo sarà sufficiente immergerli nella nostra soluzione acidulata e coprirli con un foglio di carta assorbente. Questo si impregnerà della stessa acqua in cui i carciofi sono immersi impedendo la reazione tra carciofi e ossigeno.

Infatti, non solo limone e acqua frizzante perché per non fare annerire i carciofi serve questo semplice trucchetto per essere certi di conservarli perfettamente. Questo semplice passaggio ci consentirà di cuocere i carciofi anche diversi minuti dopo averli tagliati rimanendo impeccabili.

Approfondimento

Molti buttano i limoni spremuti non sapendo che valgono oro per queste funzioni

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te