Non solo in lavatrice, ma ecco 2 trucchetti che valgono oro per lavare i maglioni di lana in acqua tiepida

I saldi stanno per iniziare e ne approfitteremo per acquistare capi di stagione a base di lana o cachemire. All’occorrenza dovremo lavarli e utilizzare la nostra cara lavatrice. O forse no. Infatti, se volessimo salvaguardare la morbidezza di questi capi dovremmo usare ulteriori accortezze, magari utilizzando qualche rimedio della nonna. Non solo in lavatrice, ma ecco 2 trucchetti che valgono oro per lavare i maglioni di lana in acqua tiepida.

Decidere il metodo

Se vogliamo velocizzare la pratica sappiamo che la lavatrice è in grado di lavare panni di ogni genere e misura, basta utilizzare il programma giusto. Nel caso di un capo delicato come quello fatto in lana dovremmo impostare il lavaggio a bassissime temperature, tra i 20 e i 30 gradi. Gli sbalzi di temperatura nel tempo sono la causa dell’infeltrimento della lana. Sarebbe meglio non inserire la centrifuga e poi strizzare a mano.

Diversamente, se si decide di utilizzarla non dovrebbe essere al di sopra degli 800 giri. Evitiamo l’uso dell’ammorbidente. Infatti, quest’ultimo penetra nel tessuto e crea una patina che col tempo rischia di rovinarlo. In ogni caso le giuste modalità di lavaggio ci vengono fornite dall’etichetta del vestiario acquistato quindi è bene leggerla e farsi un’idea precisa di cosa fare e cosa no.

Non solo in lavatrice, ma ecco 2 trucchetti che valgono oro per lavare i maglioni di lana in acqua tiepida

Nessuno sbalzo termico anche quando decidiamo di lavare a mano i nostri capi. Ecco due trucchetti per effettuare un lavaggio e un risciacquo eccellenti. Prendere una bacinella e mettere acqua tiepida. Si può utilizzare l’acqua fredda, ma ciò dipende se la stagione in cui si fa ci permette di tollerare una bassa temperatura. Rivoltare il maglione e immergerlo nella bacinella. Se è il caso, pretrattare le macchie sul maglione passando delicatamente il sapone solo su quella parte di superficie. Ciò velocizzerà il risultato finale. Utilizzare un detersivo adatto, ossia un sapone delicato o di Marsiglia indicato per i capi in lana.

Meglio se il sapone è a ph neutro o biologico. Usare il sapone naturale fatto in casa è il primo trucchetto della nonna che ci sentiamo di consigliare. Anche nel lavaggio a mano è meglio non usare l’ammorbidente per i motivi sopra citati. Lasciare in immersione fino a 10 minuti, poi risciacquare molte volte fino a che non sia andato via il sapone. Evitare di strizzare il capo con forza ed energia. È meglio apporre un asciugamano su un piano e mettervi sopra il maglione. Avvolgere tutto e strizzare delicatamente. Con questo secondo trucchetto il nostro capo in lana sarà definitivamente salvaguardato. Stenderlo dritto su uno stendino e senza far penzolare per non sgualcire il tessuto.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te