Non servono concimi costosi per cambiare il colore delle ortensie rosa e blu ma questi sensazionali trucchetti casalinghi

Nonostante siano passati ormai quasi 2 mesi dall’inizio della primavera, soltanto in questi giorni possiamo iniziare ad apprezzarla. Le temperature iniziano a salire e le belle giornate di sole non si fanno desiderare.

In tutto ciò, chi ne trae maggior soddisfazione, sono senz’altro gli amanti dei fiori e del giardinaggio in generale. Ormai sono tanti quelli che hanno già iniziato a colorare i propri balconi e i propri giardini con piante ornamentali.

Tra queste una delle più diffuse, oltre alle rose che possiamo far crescere rigogliose grazie a una potente miscela, è sicuramente l’ortensia. Si tratta di una pianta perfetta per rendere speciale qualsiasi angolo di casa, grazie ai suoi splendidi fiori.

La particolarità è infatti proprio nelle infiorescenze che vedono i petali raggrupparsi in grandi agglomerati di forte impatto. Nella gran parte delle specie i fiori sono bianchi, ma in alcune, le più belle, possono essere rosa o blu.

Variazioni di colore in autonomia

La bella notizia è che non servono concimi costosi per cambiare il colore di questa pianta, ma è possibile farlo in autonomia.

Ebbene sì. Infatti, il colore dipende dal pH e dall’acidità del terreno. Possiamo quindi intervenire con alcuni piccoli trucchetti casalinghi per renderlo più acido, o basico, a seconda dell’effetto che vogliamo ottenere.

Gli stratagemmi, ovviamente, si differenziano qualora volessimo trasformarle da rosa a blu e viceversa.

Per la variazione da rosa a blu ecco di cosa avremo bisogno:

  • chiodi di ferro;
  • fondi di caffè.

Al contrario, per passare dal blu al rosa ci servirà:

  • cenere di legna naturale;
  • acqua del lavandino.

Scopriamo come utilizzare il tutto.

Non servono concimi costosi per cambiare il colore delle ortensie rosa e blu ma questi sensazionali trucchetti casalinghi

Nel primo caso, ossia qualora volessimo cambiare il colore delle nostre ortensie da rosa a blu, procuriamo dei chiodi di ferro.  Dovremo interrarne alcuni alla base della pianta e attendere la magia nel giro di un paio di mesi. Questi, infatti, liberando ferro nel terreno, ne cambieranno il pH rendendolo acido e avviando il processo.

In alternativa, possiamo concimare una volta a settimana con dei fondi di caffè, ricchi di azoto, che ne stimoleranno la crescita e la virata verso il blu.

Se volessimo invece rendere rosa i nostri fiori spargiamo della cenere del camino avanzata. La cenere è un prezioso alleato in casa, dai tantissimi usi alternativi. Anche qui ci vorranno un paio di mesi per vedere la “mutazione”.

Infine, per ottenere il medesimo risultato, irrighiamo con acqua del lavandino. Spesso, infatti, è più calcarea delle altre, contribuendo a rendere il terreno basico e i fiori rosa.

Approfondimento

Sembra incredibile ma serviranno meno cure e manutenzione per l’orchidea se la posizioniamo esattamente così

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te