Non rientra tra le cause di tumore al seno eppure ancora molte credono a questa bufala

Il seno è una delle parti più delicate del corpo femminile, che cambia ed evolve insieme alla donna accompagnandola in ogni fase della sua esistenza.

Può essere motivo di sofferenza per chi lo ritiene troppo piccolo o troppo grande, di vanto per chi lo ama così com’è, ma non è solo una questione estetica.

Grazie al seno una donna può anche alimentare la vita umana allattando il suo bimbo.

Proprio in un precedente articolo abbiamo visto come questo gesto materno sembrerebbe essere in grado di allontanare l’osteoporosi e diminuire il rischio di alcuni tumori.

Quello che colpisce la mammella è purtroppo uno dei più diffusi.

Incidenza e fattori di rischio di una malattia subdola

La fascia d’età delle donne ritenute più esposte al rischio di sviluppare questo tipo di neoplasia è quella delle over 50.

Tuttavia pare che l’incidenza si stia allargando anche a donne di età inferiore.

Non soltanto genetica ed ereditarietà ma anche obesità, fumo, problemi ormonali e stili di vita scorretti rientrano tra gli elementi che possono favorirne l’insorgenza.

In questo senso è importantissima la prevenzione e dunque iniziare prima possibile ad effettuare controlli sia da sole, con l’autopalpazione, sia presso medici esperti.

Visite approfondite, ecografie e, se necessarie, mammografie possono salvare la vita individuando con largo anticipo la presenza di noduli

Riguardo a comportamenti e abitudini rischiose c’è però una credenza piuttosto diffusa e dura a morire che è bene smentire.

Non rientra tra le cause di tumore al seno eppure molte credono ancora a questa bufala

Non sono poche infatti le donne che credono che indossare il reggiseno, soprattutto quello con ferretto, possa favorire il tumore della mammella.

Il tutto ha preso piede dalle teorie di due antropologi statunitensi Sydney Ross Singer e Soma Grismaijer.

I due studiosi divennero famosi verso metà degli anni ’90 proprio grazie ad un testo in cui sostenevano questa tesi.

Secondo i due a favorire il cancro sarebbe la costrizione della circolazione linfatica e dunque la diminuita capacità dei tessuti di eliminare sostanze di scarto.

Purtroppo queste teorie, senza alcun riconoscimento scientifico, si sono velocemente diffuse in tutto il Mondo divenendo delle credenze popolari.

Uno studio scientifico statunitense, riportato da AIRC e condotto su 1.000 donne malate di cancro, ha però fermamente smentito una qualsiasi correlazione.

L’uso del reggiseno dunque non rientra tra le cause di tumore al seno, eppure molte credono ancora a questa bufala vera e propria.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te