Non più creme antirughe ma bevande con collagene e minerali per fermare i danni dell’invecchiamento ma attenzione a questi punti di domanda

Le mode passano e si cerca sempre un’alternativa ai prodotti utilizzati, per prenderci cura del nostro corpo e ottenere risultati veloci e costanti. Potrebbe succedere alle creme antirughe, da sostituire con le acque funzionali per ottenere un rimedio ai danni che il passare del tempo inesorabilmente crea. È necessario capire, però, se queste novità sono efficaci oppure se ci sono altre strade da seguire che potrebbero essere più indicate e redditizie.

Come integrare l’acqua

Ci sono diversi elementi con cui viene “arricchita” l’acqua minerale, perché si trasformi in un prodotto utile per combattere le rughe. Non più creme antirughe da spalmare prima di andare a dormire, quindi, ma integratori potenti che dovrebbero aiutarci a rimanere giovani. Nelle bottigliette si trovano collagene idrolizzato, acido ialuronico e zinco. Il collagene è da sempre un elemento connesso ai prodotti di bellezza per via delle funzioni che svolge nei confronti di ossa, cartilagini, tendini e pelle. Quello idrolizzato è sempre stato utilizzato per i trattamenti riguardanti la pelle, che con l’invecchiamento tende a perdere compattezza. L’acido ialuronico è l’elemento che dà elasticità alla pelle e la rende morbida. Diminuisce anch’esso con il passare del tempo e i trattamenti servono per stimolare la funzione delle cellule che tende a scemare.

I filler per esempio sono prodotti che contengono collagene e acido ialuronico e servono per appiattire le rughe del viso. Lo zinco è un minerale che mantiene la pelle sana, favorisce la rinascita delle cellule e cura le cicatrici dei tessuti epidermici. Esistono studi che approfondiscono i benefici di questi trattamenti, eppure tanti dubbi ancora permangono.

Non più creme antirughe ma bevande con collagene e minerali per fermare i danni dell’invecchiamento ma attenzione a questi punti di domanda

Un primo dubbio riguarda il livello di assorbimento del nostro organismo rispetto a queste acque funzionali, che dovrebbero sostituire le creme. Il concetto di biodisponibilità, che spesso incrociamo quando sentiamo parlare di macronutrienti, è valido anche per i prodotti utilizzati per la cura del corpo. Se mettiamo sulla stessa bilancia il costo di queste acque e la certezza del risultato che intendiamo ottenere, la convenienza sembra non essere presente. Lo zinco si può assumere grazie a carne, cereali, latte e formaggi, quindi oltre a essere un micronutriente non necessita di essere integrato. In una dieta equilibrata, i cibi che fanno bene alla pelle sono numerosi. Pesci azzurri, frutti rossi e spinaci potrebbero avere maggiori benefici rispetto a questi prodotti definiti innovativi.

Certo una bevanda è più pratica rispetto ai cibi che devono essere cucinati. Spesso, però, investire del tempo per curare l’alimentazione può portare benefici all’intero organismo, mantenendolo giovane da diversi punti di vista. Fare attività sportiva tutti i giorni, eliminando le abitudini che ci danneggiano, e assumere il fabbisogno di vitamine e minerali attraverso gli alimenti dovrebbe rimanere comunque la via principale.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te