Non piantiamo queste 3 piante comuni nei nostri giardini possono rivelarsi altamente tossiche

Poco tempo fa abbiamo parlato dei fiori più belli da coltivare nel mese di luglio. Oggi ci concentreremo invece su ciò che dovremmo evitare di far crescere nei nostri angoli verdi. O almeno che dovremmo maneggiare con grande cura. A dispetto della loro bellezza, molte piante tra le più conosciute possono rivelarsi nocive e dannose per le salute. Quindi non piantiamo queste 3 piante comuni nei nostri giardini possono rivelarsi altamente tossiche.

Facciamo attenzione a agave ed edera

Tra le piante ornamentali più diffuse in Italia ci sono l’agave e l’edera. Ed entrambe hanno un elevato tasso di tossicità. L’agave è tipica delle zone più calde e molto spesso fa capolino con le sue enormi foglie nei giardini delle case di vacanza. Ma proprio le foglie sono la parte a cui dovremo prestare maggiore attenzione. Toccarle potrebbe causare irritazioni della pelle e nei casi più gravi eritemi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera Slim

Attenzione anche all’edera, il rampicante che moltissime persone scelgono per decorare i muri e i pannelli in legno dei giardini. Dalle foglie non abbiamo quasi nulla da temere. Anzi, possiamo usarle per la pulizia e come rimedio naturale. Alle bacche, invece, dovremo stare attenti. Se le tocchiamo possono irritare la pelle. Se le ingeriamo rischiamo nausea forte e vomito.

Non piantiamo queste 3 piante comuni nei nostri giardini, possono rivelarsi altamente tossiche: i tulipani, belli e pericolosi

In questo periodo dell’anno i giardini e le case sono piene di tulipani. Questi meravigliosi fiori danno il meglio di sé tra la primavera e l’estate e la loro resistenza li rende adatti anche agli ambienti soleggiati. In pochi, però, sanno che i tulipani sono una delle piante ornamentali più tossiche. Il contatto con le foglie e con i fiori può causare irritazioni e prurito. E in caso di esposizione prolungata anche l’edema della glottide.

Ingerire una parte qualsiasi del tulipano è ancora più pericoloso. Nei soggetti particolarmente sensibili può portare all’arresto respiratorio o causare danni gravi al fegato e ai reni.Se decidiamo di piantarli usiamo sempre dei buoni guanti e una protezione per le vie respiratorie.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te