Non la solita colomba o l’uovo di cioccolata, per Pasqua ecco uno straordinario dolce della tradizione italiana e senza uova

Ci avviciniamo al periodo pasquale e il pensiero comincia ad orientarsi al lato dolce della vita. In Italia non mancano le tradizioni culinarie per la festa di Pasqua. In particolare, nelle varie Regioni ci sono diversi piatti e dolci tipici di questo momento dell’anno.

Come ogni anno, già un mese prima della Pasqua, si possono trovare in vendita nei supermercati le colombe. Ce ne sono di tutti i gusti, dalla classica a quelle farcite con crema chantilly o al cioccolato. Ritroviamo anche le uova pasquali nelle vetrine dei negozi. Questi sono i dolci più popolari e diffusi in tutta Italia. Vi sono poi quelli legati alle tradizioni regionali, che non sono la solita colomba o l’uovo di cioccolata.

I dolci pasquali in Italia 

Nella tradizione napoletana non può mancare la pastiera di grano. Questo dolce è un vero tripudio di profumi agrumati e di chicchi di grano sapientemente miscelati. In Sicilia, invece, abbiamo l’agnello fatto con la celebre pasta reale, mentre in Veneto la Fugassa pasquale, consigliata per la sua leggerezza.

In Sardegna troviamo le Pardulas, piccoli dolci ripieni di ricotta e uva passa, e in Friuli abbiamo la Pinza triestina, un dolce semplice, un pane rotondo ben lievitato e con taglio a tre sulla doratura superficiale. Mentre in Piemonte troviamo il salame al cioccolato con le nocciole tipiche della Regione.

Non la solita colomba o l’uovo di cioccolata, per Pasqua ecco uno straordinario dolce della tradizione italiana e senza uova

Questo dolce è molto antico e risale al Medioevo. Il suo nome “bracciatello” significa braccialetti, perché al centro hanno un piccolo foro in cui si impilavano i bracciatelli. La ricetta si ispira ai consigli del forno romagnolo Nel nome del Pane, che l’ha adattata senza uso delle uova.

Ingredienti:

  • 450 g di farina di tipo 0;
  • 250 g di lievito madre;
  • 1 bicchiere di vino bianco secco;
  • 100 g di zucchero;
  • 60 g di burro o margarina;
  • 10 g di lievito di birra;
  • 5 g di sale;
  • scorzetta grattugiata di limone;
  • acqua tiepida q.b.
  • pizzico di bicarbonato.

Preparazione

Si miscelano con una frusta elettrica il burro o la margarina, la scorzetta di limone e lo zucchero. Si aggiunge anche il vino e l’acqua e poi si frulla per ottenerne un composto omogeneo. A questo punto si aggiunge la farina, la pasta madre, il lievito di birra, il bicarbonato e si impasta. Verso la fine, si aggiunge il sale facendolo assorbire. Poi si lascia riposare l’impasto per un’ora.

Per formare il bracciatello si prende l’impasto e lo si fa diventare un lungo cilindro. Poi, senza tagliarlo, lo si piega a metà e la parte che unisce i due salsicciotti di impasto si porta in alto. Allo stesso tempo, avvogliamo un salsicciotto intorno all’altro. Li riponiamo sul tavolo di lavoro e li chiudiamo formando un cerchio.

Ora il bracciatello ha preso forma e si mette a riposare per un’ora. Si inforna poi a 180 gradi per circa 30 minuti. Dopodiché il dolce pasquale è pronto da gustare.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te