blank

Non butteremo mai più i calzini grazie a queste tre semplici tecniche di riciclo creativo

Con l’arrivo della primavera ci troviamo di fronte alla necessità di fare il famoso passaggio di stagione nel guardaroba. Ecco allora che inizieremo a trovare decine di calzini spaiati, piccoli e ormai rovinati che generalmente finirebbero subito nella spazzatura.

Ma siamo per forza costretti a buttarli? Non esiste davvero un altro modo per riutilizzarli e dargli nuova vita? In questo articolo vedremo assieme perché non butteremo mai più i calzini vecchi grazie a queste tre semplici tecniche di riciclo creativo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Comodissimi scaldapolsi

Dalle vecchie calze pesanti e dai calzettoni possiamo ricavare dei comodissimi e praticissimi scaldapolsi, da usare durante l’inverno per proteggere mani e articolazioni dal freddo.

Basterà tagliare la punta del calzino, in modo anche da lasciare una singola asola dove far passare il pollice. Così il calzino diventerà la soluzione perfetta per chi trascorre molto tempo al computer e potrà dimenticarsi del freddo alle mani.

Sacchetti di avena per un bagno emolliente

Possiamo anche riempire un calzino con della farina d’avena e chiudere l’estremità aperta con un nastro o un nodo. In questo modo avremo ottenuto una specie di “infusore” che renderà fare il bagno un fantastico trattamento alleviante ed emolliente all’avena. Questa è infatti miracolosa quando si parla di trattare pelle irritata e secca alleviando rossori e prurito, come dopo una scottatura o un attacco di orticaria.

Se poi si preferisce la doccia, invece che al bagno, potremmo anche risparmiare acqua. Basterà utilizzare lo stesso sacchetto sulla pelle bagnata, facendo attenzione a strofinarlo con delicatezza sulle zone irritate.

Un giochino per cani e gatti

Per finire potremmo anche trasformare un calzino in un originale e simpatico giocattolo per gatti e cani.

Basterà riempire l’estremità della calza con della segatura, fino a creare una piccola palla che chiuderemo con un nastro o con una cordicella. Avremo allora ottenuto un giochino economico e divertente che il nostro gatto adorerà.

Per quanto riguarda i cani invece potremmo recuperare più calze. In questo modo potremo imbottire una federa vecchia per creare un morbido pallone con cui far giocare il nostro cucciolo. O ancora potremmo intrecciare diverse calze della stessa lunghezza per creare una corda tutta da mordere e da tirare.

Erano questi i motivi per cui non butteremo mai più i calzini grazie a queste tre semplici tecniche di riciclo creativo.

Consigliati per te