Non basta controllare le pareti, sono questi i tre punti insospettabili della casa dove si nascondono le muffe che possono causare asma e tosse

Tra i nemici più insidiosi che possono nascondersi nelle nostre case ci sono certamente le muffe. Muffe e spore non sono soltanto terribilmente antiestetiche, ma possono presentare anche un rischio piuttosto serio per la nostra salute. Emettono infatti delle spore, cioè piccolissime particelle organiche che noi rischiamo di inalare con la respirazione. Le spore possono causare tosse, asma e persino reazioni allergiche gravi. È per questo che occorre prestare sempre la massima attenzione alla corretta aerazione degli ambienti per prevenire la formazione di muffe. Se ci accorgiamo di averle in casa, è imperativo procedere subito alla loro rimozione. Ma stiamo attenti, perché le muffe non crescono soltanto in bella vista sui muri. Spesso si nascondono in nascondigli molto più impensati. Vediamo quali.

Non basta controllare le pareti, sono questi i tre punti insospettabili della casa dove si nascondono le muffe che possono causare asma e tosse

Le muffe amano gli ambienti umidi, caldi, e lontani dalla luce diretta. Purtroppo, le nostre case sono piene di nascondigli perfetti dove le muffe possono crescere indisturbate e causare problemi senza che ce ne accorgiamo. Non basta controllare le pareti, sono questi i tre punti insospettabili della casa dove si nascondono le muffe che possono causare asma e tosse.

Guarnizione del frigorifero

La guarnizione del frigorifero è un luogo buio, sempre umido, a temperatura costante e ricco di nutrienti. Praticamente il paradiso delle muffe. Ed è anche un punto della casa che non ci ricordiamo quasi mai di controllare. Facciamo quindi la massima attenzione, perché è possibile che qui si nascondano delle muffe. Ricordiamoci di pulire regolarmente non soltanto l’interno del frigorifero, ma anche la guarnizione. Per una pulizia approfondita senza prodotti tossici possiamo usare dell’aceto, nemico delle muffe.

Tenda della doccia

Un altro nascondiglio preferito delle nostre nemiche muffe è la tenda della doccia. Un ambiente sempre umido e al calduccio che permette loro di crescere e riprodursi. La tenda della doccia è uno di quegli oggetti che vengono troppo spesso trascurati quando facciamo le pulizie. Dobbiamo invece pulirla in maniera approfondita e regolare se non vogliamo che diventi un covo di microorganismi disgustosi. Per una pulizia approfondita, immergiamola in una bacinella con acqua e un misurino di candeggina, e lasciamola a mollo almeno una mezz’ora. Ci libereremo di tutte le muffe.

Fughe delle piastrelle in cucina e nel bagno

I paraschizzi a piastrelle e le pareti della doccia sono altri nascondigli preferiti delle muffe. Ricordiamoci di pulirli spesso, meglio se quotidianamente e con prodotti per la pulizia appositi. Le muffe abbandoneranno finalmente casa nostra.

Ma come sapere se abbiamo un’infestazione di muffe? Attenzione a questi sintomi che potrebbero indicarne la presenza.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te