Nel settore media punta su RCS MediaGroup potrebbe essere la scelta giusta per il lungo periodo

Nel settore media punta su RCS MediaGroup potrebbe essere la scelta giusta per il lungo periodo dopo che per anni il titolo in Borsa non ha fatto che scendere. Ovviamente questa debolezza non è solo “colpa” di RCS MediaGroup, ma dell’intero settore media.

Secondo gli analisti che coprono il titolo il consenso medio è Outperform con un prezzo obiettivo medio che esprime una sottovalutazione del 10%. Sottovalutazione confermata dall’analisi basata sui multipli degli utili. In questo caso, infatti, RCS MediaGroup potrebbe apprezzarsi del 100% per arrivare a livelli di PE in linea con quelli del settore. Inoltre la società è una delle più sottovalutate, con un rapporto “enterprise value to sales” a 0,74 per l’esercizio 2020.

Un altro aspetto molto interessante di RCS MediaGroup è il suo dividendo che, allo stato attuale ha un rendimento superiore al 5%.

Nel settore media punta su RCS MediaGroup potrebbe essere la scelta giusta per il lungo periodo: le indicazioni dell’analisi grafica

Il titolo RCS Media Group (MIL:RCS)  ha chiuso la seduta del 16 dicembre a 0,568 euro  in rialzo del 2,53% rispetto alla seduta precedente.

Time frame settimanale

La tendenza in corso è rialzista e punta gli obiettivi indicati in figura con un potenziale massimo rialzista del 50%.Solo una chiusura settimanale inferiore a 0,544 euro metterebbe in crisi lo scenario rialzista.

rcs media group

RCS MediaGroup: proiezione rialzista in corso sul time frame settimanale. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

Sul time frame mensile potremmo essere vicini a un’inversione di tendenza al rialzo. Come si vede dal grafico, infatti, una chiusura mensile superiore a 0,576 euro confermerebbe il segnale del mese precedente e spingerebbe le quotazioni verso gli obiettivi indicati in figura dalle linee tratteggiate rosse. Da notare che nell caso in cui venga raggiunta la massima estensione rialzista, RCS MediaGroup andrebbe incontro a un rialzo del 100% circa.

Chiusure mensili inferiori a 0,576 euro metterebbero in crisi lo scenario rialzista e spingerebbero le quotazioni verso area 0,392 euro.

RCS MediaGroup

RCS MediaGroup: proiezione rialzista (linea tratteggiata) in corso sul time frame settimanale. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Approfondimento

La sottovalutazione del 73% per Esautomotion è ora abbinata ad un segnale rialzista: esplosione in vista?

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te