Neanche l’aumento del prezzo del petrolio ha risollevato le sorti di Saras: cosa attendersi per il futuro?

In un precedente report illustravamo le condizioni al verificarsi delle quali le azioni del titolo della famiglia Moratti avrebbe potuto raddoppiare le sue quotazioni. Purtroppo queste condizioni non si sono verificate. Anzi, neanche l’aumento del prezzo del petrolio ha risollevato le sorti di Saras. Cosa attendersi allora per il titolo del settore petrolifero?

Dal punto di vista dei fondamentali le situazione non è delle migliori con il titolo che risulta essere sopravvalutato qualunque sia l’indicatore utilizzato. Solo il ratio “enterprise value to sales” pari  0.17 per l’anno 2020 esprime una forte sottovalutazione che quasi non ha eguali sul mercato italiano. Più ottimisti sono gli analisti che hanno un consenso medio mantenere e un prezzo obiettivo medio che esprime una sottovalutazione del 30%.

Tra le principali ragioni dell’ulteriore affondo ribassista c’è sicuramente la strategia degli hedge funds Citadel Advisors e Marshall Wace che hanno aperto posizioni corte sullo 0,95% e sullo 0,58% del capitale.

Neanche l’aumento del prezzo del petrolio ha risollevato le sorti di Saras: cosa attendersi per il futuro secondo l’analisi grafica?

Saras (MIL:SRS) ha chiuso la seduta del 12 aprile in rialzo del 0,74% rispetto alla seduta precedente, a quota 0,5734 euro.

Time frame settimanale

La tendenza in corso è ribassista e al momento le quotazioni puntano verso il II obiettivo di prezzo in area 0,496 euro. La massima estensione del ribasso, invece, passa per area 0,376 euro.

Nel medio termine il rialzo potrebbe partire o dalla rottura al rialzo della resistenza in area 0,6186 euro oppure dal test e tenuta del supporto in area 0,496 euro. Chiaramente un segnale rialzista del BottomHunter e/o dello Swing Indicator favorirebbe una ripartenza al rialzo.

saras

 

Time frame mensile

Le difficoltà del titolo e l’incertezza che lo circonda sono chiaramente visibili dal grafico mensile. Come si vede, infatti, aprile potrebbe chiudersi con un segnale rialzista del BottomHunter e uno ribassista dello Swing Indicatori.

Dal punto di vista dei livelli di prezzo, la chiave per invertire al rialzo passa per area 0,646 euro. Una chiusura mensile superiore a questo livello farebbe invertire al rialzo puntando agli obiettivi indicati in figura dalle linee tratteggiate rosse.

In caso contrario si continuerebbe a scendere verso area 0,3318 euro.

saras

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te