Multa strisce blu, quando è possibile ottenere l’annullamento?

Quante volte ti sarà capitato di prendere una multa perché hai parcheggiato sulle strisce blu senza pagare. Hai sperato in un colpo di fortuna, che non è arrivato. Ma ci sono numerosi motivi per i quali tale multa potrebbe non essere valida. Infatti, all’automobilista deve essere garantita un’alternanza di aree di sosta a pagamento e gratuite, nell’ambito di una stessa zona. Se questa circostanza non si verifica la multa potrebbe non essere valida? Continuiamo parlando della multa strisce blu, quando è possibile ottenere l’annullamento?

Strisce blu e bianche

La Pubblica Amministrazione, in qualità di gestore degli spazi di sosta nell’area urbana, deve riservare un’adeguata area destinata ai parcheggi gratuiti, nelle vicinanze di quelli a pagamento. Se invece parliamo di un’area pedonale o di una zona a traffico limitato, i Comuni sono svincolati da quest’obbligo. Lo sono anche tutte le volte in cui esibiscono una delibera di Giunta che motiva il perché della mancanza delle strisce bianche. Generalmente, il motivo è dovuto a particolari esigenze e condizioni di traffico. Ma queste non possono diventare un pretesto della Pubblica Amministrazione per fare cassa sugli automobilisti. Perciò il Comune non deve approfittarne per inserire solo parcheggi a pagamento in un’area della città, che dal punto di vista urbanistico, storico o ambientale non ha nulla. Altrimenti l’atto del municipio, che svincola dall’obbligo di alternanza strisce bianche-blu, può essere dichiarato illegittimo. Infine, se non abbiamo un’ampia scelta tra strisce bianche e blu, deve esserci un atto del Comune a giustificarne la ragione. In caso contrario la multa per mancata esposizione del ticket non è valida.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 - L'innovativo Smart Watch di ultima generazione - Whatsapp e chiamate direttamente dal tuo polso

Scopri di più

Quando la multa è nulla

Multa strisce blu, quando è possibile ottenere l’annullamento? Ecco alcuni esempi.
Altro obbligo in capo alla Pubblica Amministrazione è dimostrare che l’ausiliario del traffico che ha erogato la sanzione sia abilitato alla mansione che svolge. Infatti, questo deve essere legittimamente nominato e incaricato allo scopo, con una delibera dell’ente locale. Laddove l’automobilista impugni la multa, il Comune deve fornire prova della legittimità della nomina dell’ausiliario.
La multa è nulla anche quando risulta scaduta la convenzione tra il Comune e la società che gestisce le aree di sosta. Inoltre, il cittadino deve essere messo in condizione di pagare il parcheggio anche con il bancomat.

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.