Molti pensano siano causati dalle emorroidi ma invece potrebbero essere i sintomi di un tumore nascosto

Il corpo comunica con noi ogni giorno. Lo fa per farci capire quando stiamo seguendo la strada giusta per proteggere la nostra salute, per esempio. Infatti, ci invia dei segnali positivi, che possiamo interpretare in modo gioioso. Altre volte, invece, ci avvisa che forse qualcosa non sta funzionando come dovrebbe. Leggendo con cura il nostro precedente articolo “Attenzione a questo fastidio comunissimo che in realtà indica un colesterolo cattivo alto”, potremo capire di cosa stiamo parlando. Infatti, spesso il nostro organismo tenta in tutti i modi di comunicare con noi. E lo fa attraverso dei segnali che non sempre riconosciamo, ma a cui dovremmo prestare un po’ di attenzione ogni tanto.

Questo, ovviamente, non significa vivere ossessivamente con la paura che una tosse possa rappresentare chissà quale malattia. Magari potrebbe trattarsi anche solo di una semplice influenza. Piuttosto, ascoltare con attenzione il nostro corpo, significa dare la giusta importanza a più messaggi che invia insieme per farci capire che qualcosa non va. E oggi vogliamo spiegarne un paio che potrebbero far scattare alcuni campanelli d’allarme.

Molti pensano siano causa delle emorroidi ma invece potrebbero essere i sintomi di un tumore nascosto

Come abbiamo spiegato, l’organismo, essendo una macchina perfetta, riconosce quasi subito e nella maggior parte dei casi quando qualcosa non va. E tenta di farcelo sapere in tutti i modi. Questo può accadere anche nel caso delle malattie più gravi. Per esempio, questo sintomo quasi sempre ignorato potrebbe indicare l’insorgenza di un tumore che spaventa tantissimi. E ce ne sono tanti altri che potremmo citare. Ma oggi vogliamo concentrarci su uno in particolare, che spesso viene confuso con un problema più “lieve” e comune, ossia quello delle emorroidi. Questo tipo di situazione, infatti, riporta dei sintomi piuttosto noti e conosciuti, che possono procurare molto dolore, ma che, per alcuni, ovviamente, sono decisamente meno spaventosi di un cancro. Eppure, i segnali che il corpo manda in entrambi i casi sono molto simili, ma non vanno assolutamente confusi.

A volte alcuni confondono questi sintomi e non pensano minimamente che possano essere l’avviso di un cancro rettale

A spiegare con esattezza alcuni sintomi del tumore rettale è l’AIRC, che spiega come appunto questi segnali spesso possano essere attribuiti anche alle emorroidi, visto che potrebbero esserci dei sintomi simili tra i due problemi. Infatti, in caso di cancro, una persona potrebbe trovarsi di fronte a situazioni fraintendibili. Una delle più comuni è quella di espellere sangue quando va in bagno. Inoltre, potrebbe sentire, nello stesso momento, del pizzicore o del bruciore. E molti pensano siano causati dalle emorroidi ma invece potrebbero essere i sintomi di un tumore nascosto.

Perciò, se si hanno questi segnali, dobbiamo controllare anche altri aspetti. Per esempio, l’alternanza della facilità con cui si va in bagno con la difficoltà a riuscire ad andare. E inoltre, anche alcuni linfonodi ingrossati nella parte interessata. Insomma, il fisico cerca di comunicarci in tutti i modi il problema. Attenzione però. Non vuol dire che se si hanno questi problemi, allora sicuramente ci troviamo in una situazione drastica. Non dobbiamo spaventarci. Anzi dobbiamo mantenere la calma e in questo caso la migliore azione  da fare è andare immediatamente a parlare con il nostro medico curante per capire se ci stiamo allarmando per nulla o se è il caso di fare dei controlli. Lui, certamente, potrà darci la risposta che cerchiamo.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te