Molti pensano sia semplice forfora ma desquamazione, prurito fastidioso e irritazione del cuoio capelluto potrebbero dipendere da questo disturbo

Per avere una chioma sana e forte, è necessario prendersene cura costantemente. È sempre necessario scegliere i prodotti in base alle proprie esigenze, non utilizzare la piastra e il phon ad alte temperature ed evitare dei trattamenti troppo aggressivi.

Per proteggere i capelli è anche necessario lavarli e asciugarli nel modo giusto. Il numero dei lavaggi spesso dipende dal nostro stile di vita e dall’ambiente circostante.

Il disagio creato dalla forfora

Delle volte, però, anche se dedichiamo molto tempo alla cura dei capelli possiamo notare la comparsa di piccole squame biancastre.

Parliamo della forfora, che può colpire sia gli uomini che le donne e può manifestarsi in ogni momento della vita. Non è contagiosa, ma può essere fonte di molto disagio. Questo perché i piccoli frammenti di pelle secca sono ben visibili tra i capelli e, spesso, ricadono sui vestiti.

Le cause della comparsa della forfora sono molto varie. Potrebbe dipendere dall’alimentazione sbagliata, dalla psoriasi, da un forte stress, oppure da una pelle troppo secca o al contrario troppo grassa.

Molti pensano sia semplice forfora ma desquamazione, prurito fastidioso e irritazione del cuoio capelluto potrebbero dipendere da questo disturbo

Ma spesso il prurito e la forfora potrebbero dipendere anche da un disturbo che prende il nome di dermatite seborroica. Parliamo di un’infiammazione cronica, non contagiosa, che si sviluppa all’attaccatura del cuoio capelluto ma anche sulla pelle del volto (lati del naso, mento e sopracciglia).

Le cause della comparsa di questa infiammazione sono varie. Potrebbe dipendere dal cambio di stagione, da un fattore genetico, dallo stress e dai ritmi di vita molto frenetici. Ma anche da prodotti troppo aggressivi, da alcuni farmaci e dalla tendenza a toccarsi sempre i capelli.

La dermatite seborroica, quindi, potrebbe manifestarsi attraverso la presenza delle squame untuose, bruciore, arrossamento della pelle, prurito, ecc.

Non parliamo di una grave malattia, ma di un problema invalidante dal punto di vista estetico. Facciamo attenzione alla detersione del cuoio capelluto e utilizziamo prodotti che non devono infiammare ancora di più la nostra cute.

Naturalmente, per una diagnosi corretta è sempre necessario affidarsi ad un medico specializzato, che saprà consigliarci la terapia giusta da utilizzare. Principalmente si tratterà di prodotti per ridurre l’infiammazione.

Molti pensano sia semplice forfora ma potrebbe, quindi, anche trattarsi di questa condizione cronica.

Lettura consigliata

Nascondere i capelli grassi e sporchi non sarà più un problema grazie a questi tagli e acconciature alla moda

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te