Molti pensano all’avocado solo come a un frutto da mangiare senza sapere questo suo fenomenale potere 

Bucce e nocciolo di questo cibo tropicale trovano un riutilizzo davvero interessante. L’avocado costituisce oggi uno dei principali protagonisti delle diete salutari. Il suo sapore delicato conferisce qualcosa in più a insalate o a primi e secondi piatti. Tuttavia è anche vero che molti pensano all’avocado solo come a un frutto da mangiare senza sapere questo suo fenomenale potere. Seguendo questi consigli è possibile riutilizzare alcune parti del frutto per colorare di fantastiche sfumature rosa tessuti o vestiti.

Il potere colorante

L’avocado non è solo un frutto salutare ma anche un modo naturale di colorare vecchi tessuti o abiti di ogni tipo. La semplice lavorazione indicata più avanti di bucce o noccioli consente di ottenere diverse nuance di rosa come il corallo, il pesca o il rosa confetto. E poiché queste tonalità sono anche le preferite per la primavera ecco subito come procedere.

Un arcobaleno di tonalità

Purtroppo molti pensano all’avocado solo come a un frutto da mangiare senza sapere questo suo fenomenale potere colorante. La Redazione ha già fornito un possibile procedimento in questo articolo. Ora però intende svelare i migliori trucchi per intensificare la colorazione naturale di questo alimento.

Consigliamo innanzitutto di prediligere frutti con la buccia molto nera. Un avocado con la buccia verde e poco maturo ha un minor potere colorante. Anche il nocciolo è perfetto per tingere di rosa i propri capi. Suggeriamo però di tenere entrambi in freezer per qualche giorno.

Questo è un furbo trucco per comprendere se quell’avocado possiede abbastanza pigmento rosso per tingere. Dopo qualche giorno in freezer le bucce dovrebbero infatti presentare macchie rossastre sulla superficie. Questo è un buon segno che consente di passare alla tintura dei capi secondo questo procedimento.

Come colorare

Per avere un colore intenso consigliamo di bollire queste parti dell’avocado per circa un’ora. Lasciare raffreddare per una notte e ripetere il passaggio altre 2 o 3 volte. Questo consentirà di ottenere un’acqua davvero potente per la colorazione.

Aggiungere qualche cucchiaio di aceto di vino bianco renderà l’acqua più acida e il colore virerà verso l’arancione. Aggiungendo bicarbonato o limone il colore risulterà più simile a un rosa antico e intenso. Intingere i capi fino alla colorazione desiderata.

Un piccolo trucco

Per fissare il colore ottenuto consigliamo di passare sopra del vapore. È possibile usare un comune ferro capace di emettere vapore, senza però poggiare la piastra. L’effetto sarà duraturo ma consigliamo sempre lavaggi a mano per prolungare la durata del colore e scongiurare possibili danni agli altri tessuti. Ecco un riciclo creativo davvero interessante e utile all’ambiente!

Consigliati per te