Molti mettono queste bellissime piante in casa e giardino ignorando che sono letali per il gatto

Gli ambienti domestici arredati di fiori e piante danno sempre un tocco elegante alla casa in ogni stagione, sia all’interno che all’esterno. Che siano piante grasse sul tavolo di un salotto o rigogliosi rampicanti sul pergolato, le piante impreziosiscono con gran classe anche gli spazi più anonimi. Per chi fosse interessato, ecco 3 sbalorditive piante autunnali che esplodono di fiori al freddo per terrazzo e giardino. Tuttavia, prima di scegliere quale sarà la prossima piantina da interrare, dovremmo controllare i relativi rischi per gli animali domestici.

Molti mettono queste bellissime piante in casa e giardino ignorando che sono letali per il gatto

Inconsapevolmente, infatti, potremmo mettere dentro casa un potenziale pericolo per cani e gatti con conseguenze talvolta drastiche. Per fare un esempio, questa comunissima pianta da appartamento è devastante quando il gatto vi entra a contatto. Come riportato dal Ministero della Salute, oltre ai solventi e ai detersivi, più esemplari di piante risultano dannosi, fino ad essere mortali, per cani e gatti. Ed esserlo, in particolare, è una meravigliosa pianta dai fiori bellissimi che rende signorile casa nostra e che dura fino a 100 anni. Eppure, per quanto elegante, l’azalea è inserita nella lista delle piante killer per gli animali domestici sia per i fiori che per il fogliame.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

La grayanotossina e i resinoidi al loro interno sono estremamente irritanti sia per la cute che per le mucose e potrebbero avere conseguenze su cervello e cuore.

Come capire se il gatto è entrato a contatto

La pianta può essere ingerita direttamente dall’animale o, più subdolamente attraverso il pelo nel caso del gatto. Strusciando lungo fiori e foglie, infatti, il gatto potrebbe accumulare sul pelo pollini e resine contenenti grayanotossina che sarà ingerita quando il gatto si leccherà lavandosi.

I sintomi possono comparire con bruciore della bocca con eccesso di salivazione e, in base alla quantità, nausea e vomito. Nei casi più gravi, specialmente nei gatti molto giovani o molto anziani, l’azalea può condurre a problemi cardiaci e cerebrali. Gli effetti dannosi della pianta sul gatto, infatti, culminano con bradiaritmia cardiaca, convulsioni e coma.

Naturalmente in caso di sintomi o segnali sospetti da parte del gatto, è indispensabile chiamare tempestivamente il veterinario che saprà suggerire la terapia migliore.

Basta un po’ di attenzione

Ecco perché molti mettono queste bellissime piante in casa e giardino ignorando che sono letali per il gatto. Tuttavia, per non creare falso allarmismo, non ci sarà bisogno di rinunciare alle azalee di casa per tenere al sicuro il gatto. Infatti, sarà sufficiente porle in luoghi più difficili da raggiungere e dove non è abituato a stare.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te