Molti li mangiano, senza sapere che i frutti di mare potrebbero veicolare questi virus molto pericolosi

Quando si parla di cibi e alimenti freschi, l’attenzione deve essere sempre altissima. Si tratta della sicurezza alimentare, ed è un tema molto delicato, soprattutto per le conseguenze che può generare.

In particolare esistono dei virus altamente infettivi che possono provocare gastroenteriti e altri problemi di salute. Questi virus si chiamano “norovirus” e possono essere diffusi anche attraverso un alimento insospettabile come i frutti di mare.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

I norovirus rappresentano la prima causa di gastroenteriti acute di origine non batterica, e si manifestano negli ambienti normalmente affollati, come ospedali, scuole, case di riposo per anziani, ma anche in ambienti vacanzieri, come le navi da crociera e piscine.

Scopriamo insieme quali sintomi provocano e come prevenire il contagio da questi virus altamente dannosi.

Molti li mangiano, senza sapere che i frutti di mare potrebbero veicolare questi virus molto pericolosi

Pensiamo di saper riconoscere a colpo d’occhio gli alimenti potenzialmente più pericolosi, ma talvolta non è così. Un esempio è questo frutto che potrebbe rivelarsi letale e che è sulle nostre tavole ma non ne siamo consapevoli.

Esistono, infatti, moltissimi alimenti che consumiamo tutti i giorni ma che presentano dei dettagli che potrebbero renderli addirittura velenosi, come accade alla pesca in questi casi.

I frutti di mare, invece, se contaminati da acque infette, potrebbero essere il veicolo di norovirus. Infatti molti li mangiano, senza sapere che i frutti di mare potrebbero veicolare questi virus molto pericolosi.

Attenzione, però: specifichiamo che non bisogna assolutamente demonizzare i frutti di mare, alimenti gustosissimi e prelibati. Questi, infatti, diventano pericolosi solo se contaminati da acque infette.

Infatti, come riporta Epicentro dell’Istituto Superiore di Sanità, nella maggior parte dei casi osservati la trasmissione è avvenuta attraverso il consumo di acqua o alimenti contaminati. Gli alimenti contaminati alla fonte potrebbero essere il veicolo di diffusione di questi virus. Ecco perché potrebbero esserlo i frutti di mare (soprattutto quando sono crudi), ma anche le verdure fresche e i frutti di bosco.

Altre modalità di trasmissione

La diffusione di questi virus, oltre che attraverso i cibi infetti, può avvenire da persona a persona, ma anche per contatto diretto con superfici contaminate.

Questi i sintomi del virus

I sintomi che noteremo in caso di contagio sono nausea, vomito, diarrea, crampi e talvolta anche febbre. Solitamente la guarigione arriva in un paio di giorni e non lascia strascichi o effetti duraturi. Al momento non esiste una cura specifica per i norovirus.

Come prevenire il contagio e proteggersi

La prima regola per evitare qualsiasi tipo di infezione è avere un’attenta e scrupolosa igiene personale. Facciamo attenzione, quindi, a lavarci sempre le mani prima di maneggiare gli alimenti e a disinfettare oggetti e superfici. In più utilizziamo solo cibo di provenienza sicura e certificata ed eliminiamo tutti gli oggetti eventualmente venuti a contatto con una persona contagiata.

Approfondimento

Ormai quasi nessuno lo compra ma questo è il miglior detergente per le pulizie domestiche

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te