Molti li buttano senza sapere che i profumi che non usiamo più possono essere riciclati in questi 3 modi geniali

La maggior parte di noi ha quella mensola o quel mobiletto in bagno pieno di boccette di profumo, ferme ormai da anni. Regali più o meno graditi, aromi che passano di moda, campioni gratuiti e la “collezione” diventa sempre più ampia. Questo aumenta l’accumulo di polvere, vista la difficile pulizia dei ripiani, e la possibilità che i nostri profumi preferiti finiscano a terra in mille pezzi.

La risoluzione migliore è quella di riempire una busta con i peggiori e buttarla nella pattumiera? Sembra la cosa più facile ed immediata, ma a noi di ProiezionidiBorsa non piacciono gli sprechi.

Molti li buttano senza sapere che i profumi che non usiamo più possono essere riciclati in questi 3 modi geniali. Questi ci aiuteranno a risolvere piccoli problemi domestici e ci libereranno, finalmente, un po’ di spazio all’interno del bagno.

Molti li buttano senza sapere che i profumi che non usiamo più possono essere riciclati in questi 3 modi geniali

Quello che facciamo, nelle prossime righe, è quello di dare spunti che probabilmente non abbiamo mai considerato. In base a questi, sarà nostro compito e della nostra fantasia, trovare altri tipi di impiego così da non dover per forza buttare via le colonie.

Il primo suggerimento, forse il più facile da pensare, è quello di usare le fragranze per togliere il puzzo di vecchio dai libri o dai diari. Nelle nostre librerie vivono opere che oramai, a causa di polvere e umidità, hanno preso un odore di stantio. Il nostro profumo non va assolutamente spruzzato sulle pagine per evitare di macchiarle. Il metodo migliore è quello di passare un batuffolo cosparso dell’aroma sulla parte interna della copertina. Aspettare che si asciughi completamente per poi rimettere il libro o il quaderno al suo posto.

Una seconda idea di riciclo, che sfrutta la fragranza dei nostri vecchi profumi, è quella di usarli per creare delle fantastiche candele aromatiche. Facendo attenzione ad utilizzare soltanto le fragranze che non contengono alcol o gas, possiamo inserirle all’interno del procedimento di realizzazione al posto degli oli essenziali.

Un ultimo consiglio è quella di riempire delle vecchie bottiglie di profumo, possibilmente quasi vuote e con il tappo a vite, con del sale grosso. Quest’ultimo dopo un paio di settimane circa inizierà ad impregnarsi della fragranza. Una volta asciutto avremo dei buonissimi sali da bagno per regalarci una coccola davvero meritata.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te