Molti in estate commettono questi 2 errori da evitare assolutamente se si vuole avere un giardino rigoglioso e pieno di fiori

In estate ciò che preoccupa maggiormente per la cura del nostro giardino, è il quantitativo d’acqua necessaria per la sua crescita o per il suo mantenimento. È in questo periodo che bisogna fare molta attenzione per far sì che il verde di casa nostra risplenda e sia perfetto.

Infatti, ciò che preoccupa è il continuo rialzo delle temperature che richiede una quantità d’acqua costante per evitare che le piante muoiano. Purtroppo, molti in estate commettono questi 2 errori da evitare assolutamente se si vuole avere un giardino rigoglioso e pieno di fiori.

Sono due tipici errori che si fanno quando si deve innaffiare il giardino. Il primo è avere innaffiato troppo provocando il ristagno con la conseguenza che la pianta nel tempo è marcita. L’altro, invece, è avere dato troppa poca acqua facendo sì che la pianta seccasse perché non ne ha ricevuta abbastanza.

Conoscere il giardino è fondamentale

Da qui il problema di come innaffiare correttamente le nostre piante e il nostro giardino. Nelle prossime righe daremo alcuni utili consigli per evitare di commettere questi due comuni errori ed avere un giardino rigoglioso.

Innanzitutto, quando si parla di innaffiare le piante ciò che si deve tenere presente sono i tempi dell’innaffiatura. Questa dipende però da alcuni fattori, uno su tutti la conoscenza del nostro giardino.

Solo così possiamo capire la misura degli interventi, programmandoli con cura. In questo senso basta osservare attentamente e si potrà capire quando sarà necessario innaffiarlo.

Gli elementi per capire quando il giardino ha bisogno d’acqua

Ad esempio, se le piante presentano degli afflosciamenti nella parte superiore oppure i fiori sono raggrinziti o arricciati, quelli sono tutti segnali che il giardino ha sete.

Altro modo potrebbe essere quello di controllare il terreno penetrando con le dita in profondità per verificare se è umido.

Questi sono i metodi per accorgersi se il giardino ha bisogno di acqua, ma come fare per innaffiare correttamente in estate? Molti in estate commettono questi 2 errori da evitare assolutamente se si vuole avere un giardino rigoglioso e pieno di fiori.

Le indicazioni da seguire per innaffiare correttamente in estate

Pertanto, è bene seguire queste indicazioni. Se non si ha un impianto di irrigazione automatico è importante che le piante vengano innaffiate almeno una o due volte al giorno.

In particolare questo deve riguardare le piante che sono esposte costantemente al sole come ad esempio i gerani. Poi, in estate, il giardino va innaffiato con abbondante acqua sia al mattino che la sera e nel caso in cui si ha poco tempo, è preferibile farlo la sera.

Infine, nelle giornate di caldo intenso, il trucco è quello di annaffiare con calma e con un getto lento affinché si possa permettere all’acqua di penetrare in profondità nel terreno.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te