blank

Molti credono che sia il pelo del gatto a creare allergia e invece è tutt’un’altra cosa 

La primavera è il periodo delle allergie, ed è per questo che si diventa più sensibili all’ambiente che ci circonda, compreso i gatti. Ci sono però delle convinzioni da rivedere e infatti molti credono che sia il pelo del gatto a creare allergia e invece è tutt’un’altra cosa.

Una tradizione viva ancora oggi

C’è sempre un fondo di verità nelle tradizioni popolari, come anche su quella che sia il pelo del gatto a provocare allergia. Questo succede anche per altre situazioni. Molti paesi hanno ad esempio per tradizione di non mangiare la carne di maiale. Nel passato s’era notata una relazione fra l’assunzione di carne di maiale e una brutta malattia.

La scienza ci dice che è la cisticercosi e provoca attacchi epilettici e altri disturbi gravi. La carne di maiale infetta, provocava questa malattia e per difendersi nel pasato nasceva l’interdizione di consumarla.

Il pelo del gatto

Oggi la scienza ci dice che non è tanto il pelo del gatto a provocare allergia. Non si è allergici al suo pelo, quanto piuttosto ad una sostanza (Fel D1) che si trova nella sua saliva. Poiché il piccolo felino si lecca spesso il pelo, toccandolo si entra facilmente in contatto con questa sostanza.

I gatti più sicuri

Esistono alcune specie che producono una bassissima quantità di questo allergene. Le razze più consigliate per i soggetti allergici sono: il gatto Siberiano, il Balinese, il gatto Norvegese delle foreste, il Bengala, il Giavanese, il Blu di Russia, l’Orientale a pelo corto, l’Ocicat, il Devon Rex.

Molti credono che sia il pelo del gatto a creare allergia e invece è tutt’un’altra cosa

Il Siberiano è l’esempio migliore che mostra come il pelo non c’entri con l’allergia. È un gatto dal pelo lungo e folto e che ama farsi accarezzare. Si potrebbe pensare che è sconsigliato per le persone allergiche. Tuttavia è forse la razza che possiede meno sostanza allergenica nella saliva, adatto per chi soffre d’allergia al “suo pelo”.

Ecco un articolo su qualcosa che sconcerta i gatti in casa.

Consigliati per te