Molti buttano il ragù avanzato senza sapere che potremmo riutilizzarlo in cucina per questo pranzo o cena da 10 e lode

Il ragù è uno delle salse più utilizzate nella cucina italiana ed è apprezzato da grandi e piccini per il suo straordinario aroma e gusto. Generalmente è utilizzato per condire i primi piatti soprattutto durante il fine settimana, quando si riunisce la famiglia.

Spesso però capita di abbondare nella preparazione e fin troppe volte finisce per essere gettato via. Gli sprechi purtroppo avvengono molto frequentemente in cucina ed è importante cercare di limitarli utilizzando la creatività.

Per esempio, pochi sanno che anche le molliche di pane che avanzano possono essere utilizzate sia in ricette salate che dolci, permettendoci così di risparmiare.

Molti buttano il ragù avanzato senza sapere che potremmo riutilizzarlo in cucina per questo pranzo o cena da 10 e lode

Non solo il cibo si può riutilizzare ma anche le bevande che comunemente utilizziamo, in particolare quando ci sono ospiti in casa.

Il vino, per esempio, si può utilizzare sorprendentemente in diverse ricette, rendendo ancora più saporite le nostre pietanze.

Allo stesso tempo, appunto, molti buttano il ragù avanzato senza sapere che potremmo riutilizzarlo in cucina per questo pranzo o cena da 10 e lode.

Potremmo preparare infatti dei golosissimi supplì, tipici della tradizione romana e perfetti per fare ingolosire famiglia e amici.

Le quantità che andremo a preparare sono per 6 persone quindi se si è in più, o in meno, basterà riequilibrare le quantità.

Procedimento

Procediamo mettendo a cuocere in una pentola colma d’acqua salata 250 grammi di riso, mentre in una padella scaldiamo 300 grammi di ragù avanzato. Ovviamente se ce ne sarà necessità potremo aggiungere nel ragù un mestolo d’acqua o due.

Passato il tempo necessario, disponiamo il riso nella padella insieme al ragù condendo con sale e pepe a piacimento, se necessario.

Aggiungiamo anche del Parmigiano grattugiato in quantità prescelta e amalgamiamo tutti gli ingredienti.

In una ciotola sbattiamo un uovo da trasferire in pentola insieme agli altri ingredienti e continuiamo a mescolare fino a che tutto si sarà amalgamato.

Lasciamolo raffreddare in un piatto e intanto spezzettiamo a cubetti 100 grammi di provola, che metteremo all’interno del riso preparato, dando al riso una forma ovale e chiudendola bene all’interno.

Ripetiamo l’operazione per tutti i supplì, dopodiché sarà necessario preparare l’impanatura.

Necessiteremo di una ciotola in cui sbattere due uova ed un’altra in cui mettere 150 grammi di pangrattato, per passarci dentro i supplì secondo questo ordine.

Riempiamo poi una padella con abbondante olio di semi e, una volta caldo, immergiamoli due alla volta per cuocerli bene e in modo omogeneo, girandoli spesso.

Una volta cotti, disponiamoli su un piatto ricoperto con della carta assorbente così da eliminare tutto l’olio in eccesso.

Dovremo solo servirli caldi per una cena o un pranzo goloso, ricco di sapore e di un gusto al quale sarà impossibile resistere.

Come congelare il ragù

Dovesse avanzarne ulteriormente, per evitare sprechi potremo congelare il ragù scegliendo bene, in base a quante persone siamo in famiglia, contenitori ermetici piccoli o medi.

Il ragù va scongelato solitamente la sera prima mettendolo in frigo, su di un piatto che impedisca alla condensa di riversarsi sui ripiani.

Lettura consigliata

Che goduria queste polpette che si sciolgono in bocca senza carne né pesce da cucinare in forno o in padella

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te