Molti ancora ignorano come scongelare correttamente la carne e quanto tempo conservarla in frigo e freezer

Fra settembre e ottobre si riempie di nuovo il freezer di cibi vari fra cui la carne, che è possibile conservare per diversi giorni. Un grande vantaggio che però richiede qualche attenzione per evitare problemi di salute. Ebbene sembra incredibile ma molti ancora ignorano come scongelare correttamente la carne e quanto tempo conservarla in frigo e freezer.

Quanto tempo può restare in frigo

La temperatura ideale del frigorifero è di 3 o 4 gradi. Si risparmia così sulla bolletta e si conservano in modo giusto gli alimenti. Ma quanto tempo può restare la carne in frigo senza guastarsi?

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Se i cibi sono nella loro confezione di vendita, basta seguire le date di scadenza. Se invece la confezione è aperta o si tratta di carne sfusa, si possono seguire le seguenti regole.

La carne va sistemata al ripiano più basso, che è quello anche più freddo, giusto sopra il cassettone delle verdure.

In particolare il pollo crudo può restare in frigo 1 giorno. Il pollo cotto, 3 giorni. Salcicce crude fresche, 1 giorno. Carne fresca bovina, suina, ovina, 3 giorni. Carne macinata, 1 giorno. Sarà poi a noi controllare lo stato della carne ogni volta. Bistecche, arrosto e costate di maiale 3 giorni.

Quanto tempo va tenuta nel congelatore

I frigoriferi sono dotati di freezer o congelatore, un comparto che non è esattamente un surgelatore professionale. Un freezer casalingo, per conservare i cibi in modo adeguato e in sicurezza, deve raggiungere almeno i 18 gradi sotto zero. Questa temperatura è quella giusta per la sicurezza alimentare, perché blocca la crescita dei batteri.

Ecco alcune indicazioni indicative su quanto tempo si può conservare la carne nel freezer.

Le salcicce fresche, da 1 a 2 mesi. Bistecche o cotolette crude, da 4 a 6 mesi. Carne macinata cruda, da 3 a 4 mesi. Carne cotta, 2 o 3 mesi. Pollame crudo a pezzi, 9 mesi. Pollame cotto, da 3 a 4 mesi. Arrosto, bistecche e costate di maiale, da 4 a 6 mesi.

Molti ancora ignorano come scongelare correttamente la carne e quanto tempo conservarla in frigo e freezer

Le carni vanno sistemate in contenitori ermetici per la congelazione, in modo da non entrare in contatto con altri cibi. Sui contenitori è bene applicare un’etichetta con la data d’entrata in freezer. Nel congelare un cibo è importante non toccarlo con le mani, per non trasmettere pericolosi batteri.

Quando si tratta invece di scongelare è necessario fare attenzione ad alcune regole.

L’errore più comune da evitare è di scongelare la carne a temperatura ambiente, poggiandola su un piatto, semmai accanto al piano cottura. Si rischia la contaminazione da insetti e batteri. Il modo migliore di scongelarla è nel frigo. Si colloca il contenitore su uno dei ripiani, in modo che la temperatura scenda lentamente. Gli alimenti sono ancora protetti dal contenitore e i batteri non possono entrare. Un’operazione comunque da programmare certamente il giorno prima.

La seconda possibilità è di cuocere direttamente i pezzi di carne congelati. Con queste semplici regole la sicurezza regna sovrana in cucina.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te