Modello 730/2021 al rush finale: occhio alle novità

È fissato al 30 settembre il termine ultimo per la presentazione del modello 730/2021 di lavoratori dipendenti, pensionati e lavoratori autonomi non titolari di partita IVA. Il provvedimento n. 13104/2021 del 15 gennaio 2021, successivamente modificato, ha approvato le istruzioni per la compilazione. Modello 730/2021 al rush finale e molte sono le novità:  dalla normativa emergenziale Covid: detrazioni d’imposta per erogazioni liberali, bonus fiscali (per vacanze, bici e mobilità elettrica) e superbonus 110%.

Come ogni anno, è necessario munirsi di SPID, CIE, CNS o credenziali rilasciate dall’Agenzia delle Entrate per accedere alla dichiarazione precompilata on line già dal 10 maggio 2021. Il modello 730/2021 riguarda redditi del periodo di imposta 2020. Le entrate derivano da lavoro dipendente e assimilati, da terreni e fabbricati, da capitale, da lavoro autonomo senza partita IVA. Poi, da redditi diversi o indennità di trasferta e rimborsi forfettari di spesa, premi e compensi, erogati nell’esercizio di attività sportive dilettantistiche. Il modello può essere trasmesso telematicamente, nella versione precompilata o, in alternativa, nella sua versione tradizionale.

Modello 730/2021 al rush finale e molte sono le novità

In ogni caso, bisognerà prestare attenzione ad alcune voci, perché il 730/2021 presenta numerose novità introdotte dalla legislazione emergenziale Covid. In primo luogo, la regola che subordina il diritto alla detrazione al pagamento dell’onere con carte, bancomat o altri sistemi tracciabili. Si tratta di una norma entrata in vigore il 1° gennaio 2020, e dunque pianamente applicabile al 730/2021. Questo, nonostante i diversi appelli dei CAF al Ministero dell’Economia per rinviarne l’obbligatorietà. Tra le altre novità, il trattamento integrativo per i redditi da lavoro dipendente e assimilati. Anche la clausola di salvaguardia per i lavoratori in Cassa Integrazione che nel 2020 sospende la restituzione del bonus IRPEF. Ancora, le detrazioni d’imposta per erogazioni liberali e i bonus fiscali per vacanze, bici e servizi di mobilità elettrica.

Attenzione agli errori di compilazione: nel caso di inserimento di cifre errate, occorrerà aspettare il 25/10/2021 per presentare un 730 integrativo nel caso di maggiore credito, minore debito o imposta invariata. Entro il 10/11/2021 sarà infine possibile presentare un 730 correttivo.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te