MES: questione ancora aperta con Conte sotto il riflettore

Se sul MES Conte aveva declinato l’invito nei mesi scorsi, continua a farlo ancora adesso. Sarà, forse, la questione di coerenza a renderlo convinto, oppure la necessità di tenere in piedi il Governo. Infatti, i 5 Stelle continuano a dire un No deciso al MES  e ciò condiziona gli equilibri. Quindi, di fronte alla proposta di Zingaretti, che mette luce sul fatto che il nuovo MES  è ormai cambiato, la risposta rimane negativa. E ciò, nonostante il Fondo di Stabilità garantirebbe ben 37 miliardi di euro all’Italia, da poter ottenere subito. Essi potranno essere investiti nella sanità, con una percentuale di interessi negativa per i primi 7 anni e pari allo 0,8 fino a 10 anni.

Insomma, niente di simile con il meccanismo che ha stretto la gola alla Grecia a suo tempo. Eppure il Presidente del Consiglio, a domanda secca, dice no ma poi, in un’ottica più ampia, si sente di rimandare il discorso a settembre. Quindi, messo sotto il riflettore, Conte non riesce a districarsi dai nodi del patto politico. Pertanto, di fatto, la questione MES  rimane ancora aperta.

Conte sotto il riflettore

In realtà, i demoni non esistono per sempre e Conte vorrebbe accettare la proposta di Zingaretti sulla questione MES. Tuttavia, è costretto a fare valutazioni caute, rimettendo la decisione finale a settembre, anche in considerazione di ciò che accadrà in sede europea. Quindi, egli consiglia di chiudere prima laccordo con l’Ue al prossimo Consiglio e poi rivalutare la questione. Però, è chiaro che il Presidente sente il fiato sul collo del Movimento 5 Stelle e non se la sente in questo momento precario di dar vita ad uno spaccamento.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Tuttavia, il problema permane. Infatti, dal canto suo, il Pd preme per dare il via libera al MES  onde attingere fondi in questo momento essenziali, per esigenze indifferibili. Insomma, non sarà possibile accontentare tutti anche perché, oltre al Segretario del Pd Zingaretti, preme per il MES anche il Ministro dell’Economia. La ragione è che lo strumento in discorso consentirà di risparmiare 5 miliardi di euro in 10 anni. Rinunciare al Meccanismo di stabilità e consentire un aumento del debito pubblico sarebbe una distruzione, solo per una questione di coerenza. “Non si può perdere un’occasione del genere”, insistono gli esponenti del Pd. Da Bruxelles, fa pressioni anche il Commissario Gentiloni che ribadisce il suo favore al Meccanismo di stabilità, non potendo prorogarsi oltre la siccità di risorse finanziarie.

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.