Mercati positivi in attesa delle banche centrali

a cura della dott.ssa Giovanna Maria Cristina Sambataro

I mercati americani aprono in territorio positivo, continua il rally statunitense che non accenna a retrocedere. L’esito del referendum italiano non ha impattato negativamente su Wall Street e i mercati europei, allo stesso modo, mantengono il segno positivo dall’apertura odierna. Nemmeno l’attesa dei prossimi incontri delle principali banche centrali spaventa i mercati.

La coppia EUR/USD si mantiene sopra quota 1,0720. Lo yen rimane sempre debole nei confronti del dollaro.

Il petrolio, invece, rallenta la sua corsa in attesa del meeting previsto per giorno 10 dicembre in Russia. I membri Opec e non-Opec decideranno quanti barili verranno ridotti giornalmente. La Russia sembra propensa alla riduzione per un numero totale di 300.000 b/d.

L’oro resta debole. La tranquillità che regna sui mercati non conduce gli investitori ad acquistare il bene rifugio per eccellenza che rimane a essere quotato sopra 1170,00$ all’oncia.

Sul calendario economico non sono presenti per la giornata odierna appuntamenti che possano causare volatilità sui mercati.

Consigliati per te