Desideri ricevere le migliori condizioni di trading per operare sul mercato valutario? - Scopri di più!

Mercati e previsioni: verso nuovi massimi

In base alle serie storiche ed ai calcoli di probabilità, i mercati del 2019 dovrebbero presentarsi in questo modo:

a) 80% di probabilità che verranno segnati minimi e massimi inferiori all’anno precedente;

b) 19% di probabilità che verranno segnati minimi e massimi superiori.

Nel 80% dei casi quando si verifica a) nel primo trimestre dell’anno si formeranno i massimi annuali e nell’ultimo trimestre i minimi.

Quando queste probabilità diventano più basse e possono portare ad un’automodifica dello scenario per i mercati?

In base al conteggio del Top or Bottom, il 2019 dovrebbe essere un anno di automodifica dove potrebbero formarsi prima i minimi e poi i massimi. Inoltre questa probabilità risulta anche dall’abbinamento di diversi cicli temporali:

Mercati e proiezioni per l’anno 2019

Scenario annuale e previsione per Wall Street

Il ribasso iniziato nel mese di ottobre per i mercati americani dovrebbe raggiungere un bottom fra gennaio e febbraio 2019.

Mesi di setup sono febbraio e poi dicembre: nella prima data dovrebbe formare il minimo mentre nella seconda il massimo annuale.

Rendimento medio atteso del 16,4% con una deviazione standard del 13,2%.

Frattale previsionale su scala giornaliera per il 2019 dei mercati americani

Quali sono le date di setup, ovvero quei punti temporali dove probabilmente si formeranno i minimi/massimi assoluti/relativi del 2019?

11,21 febbraio, 28 marzo, 10,22 maggio, 26 giugno, 9,21 agosto, 25 settembre, 8,20 novembre, 26 dicembre.

Poco probabili ribassi superiori al 20% sui mercati americani fino a tutto il 2030…

Mercati americani ed il ciclo trentennale

In base alle statistiche degli ultimi 140 anni sugli Indici americani come pubblicato nei nostri Ebooks:

Il periodo 2008/2009 doveva rappresentare un bottom di un Ciclo trentennale, e quindi quei livelli di minimo toccati in quel periodo non dovrebbero essere più ritoccati per molti anni, o forse mai più.

Da quei minimi dovrebbe essere partito un potente ciclo rialzista.

Infatti, assumendo un ciclo a 30 anni e partendo dal 1798 è possibile costruire la seguente sequenza: 1798, 1828, 1858, 1888, 1918, 1948, 1978 e 2008/2009,  a cui seguirà 2038/2039.

Cosa hanno in comune tutti questi anni?

In questi anni si è sempre formato un minimo del mercato che non è stato violato per lunghi periodi o addirittura mai.

Quali sono i valori di prezzo da monitorare e come regolarsi?

Tendenza e proiezioni dei prezzi per l’anno 2019 fino al 2021

S&P 500

Anno 2019 Tendenza ribassista

area di minimo 2.049/1.950

area di massimo 2.643/2.494

In area 2.250/2.038 nei primi due mesi dell’anno  si potrebbero “creare” le condizioni per assistere ad un’inversione rialzista e all’inizio di un movimento verticale al rialzo fino al primo trimestre del  2021.

Quali sono le proiezioni dal 2019 al 2021?

Tendenza rialzista

area di minimo 2.375/2.658

area di massimo 3.506/3.793

Questo significa che l’area di inversione prevista per febbraio dai 2.250/2.038 potrebbe alzarsi a 2.375/2.658.

Questa view di ripartenza dello S&P 500 dai 2.375/2.658 è valida fino a quando non si assisterà ad una chiusura mensile  e poi trimestrale inferiore ai 2.346 ed è inoltre compatibile con l’ipotesi di un minimo rilevante già segnato nel mese di dicembre scorso.

Dax Future

Anno 2019 Tendenza ribassista

area di minimo 7.900/8.615

area di massimo 11.921/11.094

In area 10.268/9.380 nei primi due mesi dell’anno  si potrebbero “creare” le condizioni per assistere ad un’inversione rialzista e all’inizio di un movimento verticale al rialzo fino a metà anno 2020.

Quali sono le proiezioni dal 2019 al 2021?

Tendenza rialzista

area di minimo 9.908/11.130

area di massimo 14.796/16.018

Questo significa che l’area di inversione prevista per febbraio dai 10.268/9.380  potrebbe alzarsi a  9.908/11.130.

Questa view di ripartenza del Dax Future dai  9.908/11.130 è valida fino a quando non si assisterà ad una chiusura mensile  e poi trimestrale inferiore ai 10.268 ed è inoltre compatibile con l’ipotesi di un minimo rilevante già segnato nel mese di dicembre scorso.

Eurostoxx Future

Anno 2019 Tendenza ribassista

area di minimo 2.563/2.372

area di massimo 3.227/3.061

In area 2.895/2.663 nei primi due mesi dell’anno  si potrebbero “creare” le condizioni per assistere ad un’inversione rialzista e all’inizio di un movimento verticale al rialzo fino a metà anno 2020.

Quali sono le proiezioni dal 2019 al 2021?

Tendenza rialzista

area di minimo 2.940/3.252

area di massimo 4.150/4.466

Questo significa che l’area di inversione prevista per febbraio dai  2.895/2.663  potrebbe alzarsi a  2.940/3.252.

Questa view di ripartenza dell’Eurostoxx  Future dai  2.940/3.252  è valida fino a quando non si assisterà ad una chiusura mensile  e poi trimestrale inferiore ai 2.895 ed è inoltre compatibile con l’ipotesi di un minimo rilevante già segnato nel mese di dicembre scorso.

Ftse Mib Future

Anno 2019 Tendenza ribassista

Tendenza ribassista

area di minimo 13.400/14.900

area di massimo 20.810/19.315

In area 17.815/16.230 nei primi due mesi dell’anno  si potrebbero “creare” le condizioni per assistere ad un’inversione rialzista e all’inizio di un movimento verticale al rialzo fino a metà anno 2020.

Quali sono le proiezioni dal 2019 al 2021?

Tendenza rialzista

area di minimo 18.500/21.150

area di massimo 29.200/31.855

Questo significa che l’area di inversione prevista per febbraio dai 17.815/16.230  potrebbe alzarsi a  18.500/21.150.

Questa view di ripartenza del Ftse Mib  Future dai 18.500/21.150  è valida fino a quando non si assisterà ad una chiusura mensile  e poi trimestrale inferiore ai 17.810 ed è inoltre compatibile con l’ipotesi di un minimo rilevante già segnato nel mese di dicembre scorso.

Mercati: nuovi massimi storici nel 2020 e poi 2021_Conclusioni

Siamo in un punto nodale per i mercati azionari internazionali e nel primo trimestre di quest’anno si affollano diversi clusters di prezzo e tempo che fanno ritenere probabile un’inversione rialzista ed una ripartenza di medio lungo periodo  con probabile formazione di nuovi massimi storici nei prossimi 2 anni.

Una mancata inversione entro il mese di febbraio ci farebbe rivedere la view sui mercati fino a tutto il 2021.

Come al solito si procederà per step.

Approfondimento

Wall Street e gennaio

Listini europei e gennaio

Mercati e previsioni: verso nuovi massimi ultima modifica: 2019-01-07T22:22:34+00:00 da Gerardo Marciano
Tickmill
Tickmill
Dibattito Finanziario - Live
Dibattito Finanziario - Live

Operazioni di Trading per un mese a soli 20€

Le Fonti TV
Segui Le Fonti TV su Facebook

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.