Opera sui Mercati con XM! - Scopri di più!

Mercati in rosso: il FMI taglia e condanna l’Italia

Continua la tensione sui mercati. Le borse europee chiudono in negativo e nemmeno Wall Street riesce a dare una spinta. Come se ciò non bastasse, inoltre, il Fondo Monetario Internazionale, taglia ulteriormente le stime di crescita per il 2019. E i mercati se ne accorgono.

Piazza Affari

Piazza Affari non fa eccezione e chiude con un vistoso segno meno. Al suono della campanella, infatti, il Ftse Mib registrava un passivo dello 0,46% (21.671 punti). Lo spread, ovvero il differenziale di rendimento tra il Bund tedesco e il Btp italiano, era a 258,2 punti. In tutto questo il rendimento del decennale tricolore era a 2,58%.

I mercati del resto d’Europa

Rosso diffuso, come accennato in apertura, su tutto il Vecchio Continente. Prima fra tutti la Gran Bretagna con un -0,35% che però, allargando la visuale al resto delle borse europee, non è la peggiore. Parigi infatti fa un -0,44% ma ancora peggio chiude il Dax di Francoforte. Infatti la borsa tedesca taglia il poco invidiabile traguardo dello 0,9% in territorio negativo.

Wall Street

Niente da fare per i mercati statunitensi. Quando in Europa la campanella avvertiva gli operatori della chiusura, Wall Street restava in rosso. In particolare l’S&P 500 perdeva lo 0,44% seguito dal Dow Joes a -0,6%. Perdite limitate per il Nasdaq che tra i tre riusciva a reggere meglio il colpo: -0,24%.

Ma Wall Street avvertiva qualche problema già da ieri quando la chiusura del mercato statunitense era contrastata. Infatti il Dow Jones finiva i lavori a -0,32%, mentre l’S&P500 saliva appena dello 0,1%. Solo il Nasdaq Composite arrivava alla doppia cifra con un +0,19%.

Le previsioni (pessimiste) del FMI

Il FMI capeggiato da Christine Lagarde è nuovamente intervenuto sulle previsioni di crescita per questo 2019. Ma si è trattato di un intervento negativo per l’economia mondiale. E ancora di più per l’Italia. Infatti  la crescita di Roma è stata tranciata dall’1% dell’ottobre 2018 allo 0,1% di oggi. Non solo, ma sempre il FMI ha descritto l’Italia come uno dei possibili rischi per la crescita mondiale.

La view del FMI sull’Europa

Ma le cose non vanno bene per l’intera Europa. Il rallentamento dell’economia tedesca si aggiunge alle incertezze politiche che si diffondono per tutto il Vecchio Continente. Oltre a questo, resta la zavorra della guerra dei dazi e del crescente protezionismo. Da qui la decisione della Federal Reserve di fermare il cammino di rialzo dei tassi per almeno tutto il 2019.

Attese sui mercati

Fra 8 e 9 aprile scadeva un importante turning point ed attendevamo con elevata probabilità la formazione di un top temporaneo ed un ritracciamento successivo  al massimo del 3%. Stamani dopo un’apertura al rialzo i mercati hanno virato verso il basso.

E’ iniziato il ritracciamento atteso? Probabile! Mentre per lunedì e martedì il must era quello di monitorare i supporti da ora in poi monitoreremo le resistenze per capire se e quando si ritornerà al rialzo e fino a quando si rimarrà al ribasso.

Mercati in rosso: il FMI taglia e condanna l’Italia ultima modifica: 2019-04-09T19:22:53+02:00 da Gerardo Marciano

Trova il tuo broker

Tickmill
XM
Ava Trade

Consigliati per te

Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.