Mercati in ordine sparso ma i supporti tengono

Non è durata molto l’ondata di ottimismo sui mercati  regalata dalle parole di Mario Draghi, il governatore della Bce che ieri prometteva un ritorno del Qe, se necessario.

Piazza Affari

La piazza di scambio italiana è riuscita a restare a galla aiutata anche dai bancari. Infatti nella classifica dei best performer Bpm e Ubi Banca occupano un posto di rilievo. Ad ogni modo alla fine della seduta il risultato è stato di 0,41% (21.221 punti). Intanto lo spread, cioè il differenziale tra Bund tedeschi e Btp italiani ha continuato a scendere e dopo i 242 punti di ieri, oggi si è fermato ancora più in basso, seppur di poco: 241. Praticamente stabile il rendimento del decennale tricolore poco sopra il 2,1%.

I mercati europei

Anche le altre borse europee non sono riuscite ad ottimizzare le prospettive di un ritorno delle politiche di accomodamento della banca centrale. Al suono della campanella in Francia il Cac 40 di Parigi ha visto un ultimo colpo di coda che gli ha permesso di chiudere sopra la parità dello 0,06% mentre in Germania, a Francoforte il Dax chiudeva a -0,17%. Da parte sua Londra, infine, arrivava addirittura a -0,53%.

Wall Street

Discorso simile può essere fatto anche per Wall Street. Alle 17.20 (ora italiana ) i tre indici maggiori vedevano un +0,1% per l’S&P 500, uno 0,14% per il Dow Jones e un -0,06% sul Nasdaq.

Banche centrali

Market mover della settimana continuano ad essere le banche centrali. Dopo le parole di Mario Draghi che, come detto in apertura, ha confermato una Bce compiacente sui mercati fino alla prima metà del 2020, quindi oltre il suo mandato (Draghi lascerà infatti la poltrona di governatore ad ottobre), stasera sarà il momento della Fed. Un momento tanto atteso se non altro per capire se le minacce del presidente Usa di “declassare” il governatore Jerome Powell togliendogli la carica di presidente avranno avuto un seguito.

Il caso BoE

Ma la Fed non è la sola a pronunciarsi in questi giorni. Domani, infatti, sarà la volta della Bank of England che, con ogni probabilità, confermerà a sua volta una politica attendista. Nel caso di Mark Carney, però, il motivo è fin troppo chiaro: prima di scegliere una strategia di politica monetaria è necessario riuscire a capire l’esito della Brexit. Semmai un esito ci sarà in questa storia sempre più ingarbugliata.

Mercati azionari: ora si potrebbe lateralizzare  anche per qualche giorno

L’esplosione di momentum preventivata ed auspicata nei giorni scorsi, ieri si è verificata.  Ora per continuare al rialzo bisogna mantenere di volta in volta i supporti.

Quali sono i livelli da monitorare che non devono cedere per mantenere il trend al rialzo di breve?

Dow Jones

26.048

Nasdaq C.

7.810

S&P 500

2.904

Dax Future

11.981

Eurostoxx Future

3.365

Ftse Mib Future

20.490

Bund Future

171,49

Chiusure giornaliere sotto questi livelli farebbero partire panico di non poco conto!

 

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.