Presentazione del sistema Antigrid - Live Webinar - Iscriviti ora!

Mercati europei in rimbalzo: livelli da monitorare

Si riprendono i mercati europei.

A dare una mano nella mattinata è l’ottimismo sull’incontro tra Trump e Xi Jimping. Un incontro che non più tardi della settimana scorsa era stato già dato per svanito.

Piazza Affari

I mercati europei si stanno riprendendo. Alle 12.45 infatti Piazza Affari vanta un attivo seppur parziale di 1,45% (19.634 punti). Un risultato che, almeno per la mattinata, pone il Ftse Mib al primo  posto tra le maggiori piazze di scambio del Vecchio Continente. Lo spread tra Bund tedeschi e Btp italiani è arrivato a 279,5 punti. Intanto il rendimento sul decennale tricolore è a 2,9%.

Il resto d’Europa

Luce verde anche per il resto dei mercati  d’Europa. Alla stessa ora, inoltre, il Cac 40 di Parigi arrivava a +0,85% mentre il Dax tedesco di Francoforte sfiorava lo 0,8%. Più in basso invece, si fermava il Ftse 100 di Londra. Alle 12.50 infatti l’indice della Gran Bretagna non riusciva a fare meglio di un +0,3%.

La Gran Bretagna in difficoltà.

Per quale motivo il mercato inglese restava al passo rispetto alle altre borse europee? La risposta è nei dati sul Prodotto interno lordo dell’ultimo trimestre 2018, fermo a un +0,2%. In calo anche il dato finale per l’anno appena concluso: +1,3% per il 2018, in calo rispetto a +1,8% del 2017.

Brutte notizie anche per la produzione industriale. In calo dello 0,5% a dicembre rispetto al mese precedente. Un peso non indifferente che si va ad aggiungere a quello arrivato dalle ultime previsioni al ribasso della Banca d’Inghilterra. Il pil 2019 di Londra non andrà oltre l’1,2% invece del già preventivato 1,7%. Un peso che si è abbattuto sulla sterlina arrivata a 1,29022 dollari, e a 1,13023 sull’euro.

Londra paga pegno

In altre parole Londra si trova a dover pagare un duplice pegno. Prima di tutto quello che devono pagare tutte le economie mondiali al rallentamento globale. In più la Gran Bretagna si trova letteralmente zavorrata da una Brexit che, a prescindere dall’arrivo o meno di un accordo, segnerà comunque un taglio tra lei e l’Europa. Tutta.

Petrolio in calo

Conferma anche per il momento no del petrolio. Ancora in calo. Dopo l’impennata di luglio con un Brent che è arrivato a superare i 70 dollari e un Wti che ha visto i 74 dollari al barile, l’entusiasmo sembra essersi calmato. Infatti il greggio vede un Brent a 0’,47%, pari a 61,8 dollari e il Wti arriva a perdere addirittura lo 0,95% assestandosi a 52,22 dollari al barile.

Borsa Italiana: idee per il trading sui titoli fino  alla chiusura odierna

Tendenza rialzista

Il movimento  in corso  verrà archiviato al verificarsi dei seguenti movimenti:

Atlantia da chiusure orarie inferiori ai  20,38

Enel da chiusure orarie inferiori ai  5,09

FCA da chiusure orarie infperiori ai  13,02

I livelli per il trading sui mercati da monitorare fino  alla chiusura odierna (livelli  settimanali da monitorare)

Quali supporti e resistenze monitorare nelle prossime ore?

Tendenza rialzista

Il movimento  in corso  verrà archiviato al verificarsi dei seguenti movimenti:

Dax  Future da chiusure orarie inferiori ai  10.936

Ftse Mib  Future  da chiusure orarie inferiori ai  19.405

Eurostoxx Future  da chiusure orarie inferiori ai  3.142

Tendenza ribassista

Il movimento  in corso  verrà archiviato al verificarsi dei seguenti movimenti:

Bund Future da chiusure orarie superiori ai  166,66

 

Mercati europei in rimbalzo: livelli da monitorare ultima modifica: 2019-02-11T13:25:52+00:00 da Gerardo Marciano

Trova il tuo broker

XTB
Tickmill
XM
Ava Trade

Le Fonti TV
Segui Le Fonti TV su Facebook

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.