Mercati azionari: minimi segnati? Molto probabile

Poche le aspettative tra i colloqui Usa-Cina. Milano punta sul petrolio e i mercati azionari continuano a salire.

Piazza Affari

Quando mancano 10 minuti alla chiusura Piazza Affari sale dello 0,8%. Intanto lo spread, cioè il differenziale tra Bund tedeschi e Btp italiani, riprende a risalire, seppur leggermente, e dai 151 punti di ieri arriva a 152,6 punti. Il rendimento del decennale, il Btp saliva parallelamente a 0,95%.

I mercati azionari del Vecchio Continente

Sulla stessa strada anche il resto d’Europa. Il Cac 40 di Parigi nello stesso momento era fotografato a 0,6% mentre il Dax lo superava di poco a 0,7%. Il Ftse 100 di Londra, restava leggermente più indietro con uno 0,55%.

Wall Street

Diversa, invece, la questione degli indici Usa. Alle 17.25 (ora italiana) il panorama era titubante. Da un lato l’S&P 500 superava lo 0,16% in territorio positivo, accompagnato da un Nasdaq a 0,12%. Dall’altra, il Dow Jones scendeva dello 0,03% orbitando intorno alla parità.

Questioni da monitorare sui mercati

La prima punta al petrolio. Con l’inasprirsi delle tensioni in Siria tra Turchia e curdi, si è visto un aumento delle pressioni sul prezzo del petrolio. Il Brent sale dell’1% a 58,94 dollari al barile e Wti arriva a +1,21% a 53,45 dollari al barile. Una situazione differente, la seconda, quella dei dati macro riguardanti il settore manifatturiero tedesco, ancora in calo. Un calo che, probabilmente, caratterizzerà tutto il 2019 dal momento che, secondo gli esperti non ci sono elementi per pensare ad un cambio.

La guerra degli Usa contro tutti

Per agosto si è visto un calo dello 0,6% in rallentamento del 2,6% su base congiunturale. A preoccupare, però, è anche la prospettiva di dazi sui voli di Francia, Germania, Spagna e Regno Unito. Uno sviluppo pesante nella questione della possibile diatriba di Washington con l’Europa. Resta poi aperta la questione dei colloqui commerciali tra Cina e Stati Uniti. Di fronte alle poche prospettive di miglioramento, premono i dati macroeconomici deludenti. La situazione delicata, infatti, consiglia di non esasperare i toni con Pechino.

Mercati azionari:  minimi segnati? Molto probabile

Molto probabilmente, come già accennato nel weekend, i minimi di ottobre sono stati già segnati e il tragitto è sempre  verso i target indicati.

La cautela non va abbandonata e gli stop devono essere sempre inseriti ma siamo ottimisti.

Quali sono i livelli che in chiusura di seduta  di  martedì dei mercati  riporteranno  il trend ribassista  in ottica multidays e faranno ripartire le vendite?

S&P 500

2.918

Dax Future

11.951

Eurostoxx Future

3.417

Ftse Mib Future

21.275

Una chiusura giornaliera inferiore a questi livelli farà iniziare una nuova  fase ribassista.

Come al solito si procederà per step.

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.