Opera sui Mercati con XM! - Scopri di più!

Mercati: attesi nuovi ribassi nei prossimi giorni

Torna il sole (per adesso) sui mercati

La chiusura dei mercati vede il ritorno del segno più sul Ftse Mib con Piazza Affari a +0,53% (18.741 punti) con uno spread a praticamente stabile a 288 punti. Il resto d’Europa registra semafori verdi sparsi ovunque: Ftse 100 +1,1%, Cac 40 +0,9% e solo il Dax, sebbene in positivo, deve registrare qualche affanno a +0,05%.

Incrocio tra Fed e dati macro

Le attese per le prossime decisioni sulle politiche monetarie della Fed aumentano. In particolare se si dà uno sguardo ai numeri resi noti dal Dipartimento del lavoro statunitense: a novembre il tasso di disoccupazione è stato pari al 3,7%. Diverso, invece, il discorso per i non farm pay rolls, cioè i nuovi posti di lavoro nel settore non agricolo: in questo caso si sono avute 155mila unità, ben al di sotto della lettura precedente a sua volta già rivista al ribasso da 250mila a 237mila unità. Non solo, ma il risultato è stato inferiore anche alle attese del consensus ferme a 205mila unità. Altro numero cui dar voce è quello della retribuzione oraria netta che a novembre ha registrato un +0,22%, rispetto allo 0,18% precedente. In questo caso, però, le previsioni erano state più drastiche con un +0,3%.

Il petrolio aiuta Piazza Affari

Tornando a Piazza Affari, tra i migliori nella classifica del Ftse Mib si piazzano Saipem al primo posto con +5,6% ed Unipol a 4%. Per quanto riguarda gli energetici è da segnalare anche il 2% di Eni  e di Snam. I giganti del settore energetico devono ringraziare la svolta arrivata dall’Opec e riguardante il petrolio. Infatti il greggio, dopo i timori di un nulla di fatto, hanno iniziato un rally inatteso sull’onda delle indiscrezioni trapelate dal vertice di Vienna. Stando a quanto riferito, infatti, l’Arabia Saudita sarebbe riuscita a trovare un punto di accordo con la Russia per un totale di 1 milione di barili. A questi vanno aggiunti anche gli altri tagli operati dai membri esterni all’Opec ma che, come la Russia, hanno offerto la loro collaborazione alle strategie di controllo dei prezzi.

Europa in chiaroscuro

Tra i dati macro che hanno caratterizzato la giornata il pil del terzo trimestre nella zona euro in calo a +0,2% rispetto a +0,4% nel secondo anche se il dato più interessante è quello di alcuni, specifici paesi. Italia, Germania, Svezia e Lituania infatti, si sono fermate in territorio negativo.

Analisi, attese e previsioni sui listini azionari

Mercati che come da attese hanno formato ad inizio mese i massimi mensili proiettati ed ora sono diretti probabilmente verso i minimi .

C’è poco da aggiungere se non rimarcare un concetto espresso negli ultimi due giorni:

Mercati: attesi nuovi ribassi nei prossimi giorni ultima modifica: 2018-12-07T18:15:14+00:00 da redazione

Trova il tuo broker

XTB
Tickmill
XM
Ava Trade

Le Fonti TV
Segui Le Fonti TV su Facebook

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.